Beta Version

All'Ecce Homo, i fedeli ricordano Cristo coronato di spine

By: Geoffroy Poirier-Coutansais / LPJ - Published: March 03 Tue, 2020

All'Ecce Homo, i fedeli ricordano Cristo coronato di spine Available in the following languages:

GERUSALEMME - Venerdì 28 febbraio 2020, nella Basilica dell'Ecce Homo, le Suore di Nostra Signora di Sion e la Comunità di Chemin Neuf hanno accolto i fedeli e i pellegrini per una Messa celebrata in memoria di Cristo coronato di spine. La celebrazione, che si è svolta come ogni anno il primo venerdì di Quaresima, è stata presieduta da padre David Sullivan M.AFR, davanti ad un'assemblea di fedeli, per lo più francesi.

Il primo venerdì di Quaresima, presso la Basilica dell'Ecce Homo situata sulla famosa via Dolorosa nella Città Vecchia, si è tenuta una messa in commemorazione di Cristo coronato di spine. La celebrazione, che si è svolta a metà pomeriggio, ha visto la partecipazione di una trentina di fedeli, molti dei quali provenienti dalla comunità francese della Città Santa.

Padre David (Padre Bianco), originario dell'Irlanda, ha presieduto la Celebrazione Eucaristica, circondato da una decina di sacerdoti, tra cui padre Benoît Bernard, rettore del dominio francese di Saint-Anne, padre Jean-Daniel Gullung, superiore della comunità degli Agostiniani dell'Assunzione, e padre Pietro Felet, scj, segretario generale dell'Assemblea degli Ordinari Cattolici di Terra Santa.

Solitamente rappresentata dal suo Console Generale a Gerusalemme, la Francia era presente quest'anno nella persona del suo Vice Console, il Sig. Rémy Bouallègue, accompagnato dal Consigliere per gli Affari Religiosi del Consolato, Padre Luc Pareydt.

Nella sua omelia, pronunciata in francese, padre David è tornato all'episodio della Passione di Cristo. In questo giorno di commemorazione di Cristo coronato di spine, egli ha esortato ogni fedele a chiedersi che posto avrebbe occupato in quell'evento e con quale personaggio si potesse identificare.

Mentre la Messa è stata celebrata in francese, i fedeli di lingua araba, ebraica e inglese sono intervenuti per recitare brani del Vangelo nella loro lingua madre. Un piccolo gruppo di musicisti, composto da un pianista, un chitarrista e un corista, ha accompagnato i canti durante la Messa.  

Alcuni volontari francesi erano presenti a questa celebrazione eucaristica. Inviati in Terra Santa da associazioni cattoliche, alcuni di loro hanno partecipato direttamente alla cerimonia, sia come servitori della Messa che come membri del gruppo di musicisti.