La comunità cristiana di Taybeh si riunisce per aiutare gli anziani durante il blocco

By: Saher Kawas - LPJ - Published: June 12 Fri, 2020

La comunità cristiana di Taybeh si riunisce per aiutare gli anziani durante il blocco Available in the following languages:

TAYBEH, Palestina - Durante il periodo di lockdown per Coronavirus e le restrizioni alla mobilità che ne sono derivate in questi ultimi tre mesi anche in Palestina, un gruppo di abitanti di Taybeh, vincendo l'atmosfera stagnante che gravava sul loro villaggio, ha deciso di darsi da fare per la comunità, in particolare per gli anziani.

L'iniziativa è stata avviata da Marwan Odeh, nativo di Taybeh e assistente cuoco presso la casa di anziani Beit Afram. Spinto dalla volontà di migliorare la qualità di vita degli anziani che incontra sul posto di lavoro, Marwan, con alcuni amici, ha iniziato a raccogliere fondi per realizzare due progetti a beneficio della casa di riposo: la creazione di un’area lastricata in cemento, all'ingresso posteriore dell'edificio, e l’impianto di 34 alberi da frutto nei giardini della proprietà. I due progetti sono stati attuati in un momento in cui le normali attività quotidiane erano state interrotte, a seguito del blocco legato all'epidemia di Coronavirus.

"La mia priorità è la cura e il benessere degli anziani di questa casa", ha detto Marwan Odeh, che con l'aiuto dei suoi amici provenienti da Taybeh, da Gerusalemme e dall’Ucraina, ha contribuito a raccogliere 15.000 shekel (3.826 euro) per la realizzazione dei progetti . Ha continuato Marwan: "con l'aiuto di Dio, sono pronto a fare tutto ciò di cui sono capace per il benessere degli anziani".

Per il primo progetto, l’area lastricata ha contribuito a creare più spazio all'ingresso posteriore della casa. Negli anni precedenti, la sansa di frantoio veniva depositata in un'area adiacente, ed emanava un odore sgradevole soprattutto in estate, problema che costringeva i residenti a chiudersi in casa con finestre e porte sbarrate. Ora, parte della zona lastricata può venire utilizzata come nuovo spazio di raccolta per la sansa, lasciando l'area precedente a disposizione dei residenti. 

Grazie al secondo progetto è sorta una piantagione di 34 alberi da frutto in un'area di circa 500 metri quadrati di terra. L'idea è nata quando un parente di Marwan ha espresso il desiderio di fare un’offerta in memoria del padre defunto e della sorella. "Invece di spendere i soldi in una volta sola, come una festa o una gita di un giorno", ha detto Marwan, "gli ho suggerito di fare qualcosa che sarebbe potuto diventare un investimento per gli anni a venire. È così che è nata l'idea di piantare gli alberi ”.

Il costo dei due progetti è stato di 15.000 shekel, somma pagata con le donazioni ricevute e che, quindi, non ha comportato costi per il Patriarcato latino di Gerusalemme, che gestisce l’amministrazione della residenza.

La casa per anziani Beit Afram è stata fondata nel 2005 dal Patriarcato latino con il compito di offrire un ambiente adatto agli anziani che necessitano di assistenza sanitaria. Amministrata dal Patriarcato, la Casa a partire dal 2011 è stata gestita dalla Comunità Filhos de Maria. Verso la metà del prossimo mese di agosto 2020, la Casa verrà affidata alla cura delle suore Serve del Signore e della Vergine di Matarà, ramo femminile della Famiglia Religiosa del Verbo Incarnato.