Beta Version

Terra Santa: la voce preoccupata dei Capi delle Chiese per il piano israeliano di annessione dei Territori della Cisgiordania

Published: May 14 Thu, 2020

Terra Santa: la voce preoccupata dei Capi delle Chiese per il piano israeliano di annessione dei Territori della Cisgiordania Available in the following languages:

Pronunciamento dei Patriarchi e dei Capi delle Chiese di Terra Santa

sui Progetti Israeliani di annessione unilaterale

7 maggio 2020

La stagnazione del processo mediorientale di pace tra Israeliani e Palestinesi ha consentito la nascita di una serie di piani unilaterali da parte di Israele per annettere i territori della Cisgiordania. Tale progetto, sostenuto principalmente dalle fazioni dell’ala conservatrice, solleva serie e dolorose domande sulla possibilità di raggiungere un qualsiasi accordo di pace, che metta fine al decennale conflitto che continua a costare la vita di molti innocenti, in un circolo vizioso di tragedie e di ingiustizia.

Il Consiglio dei Patriarchi e dei Capi delle Chiese di Terra Santa guarda a questi progetti di annessione unilaterale con la più grande preoccupazione e fa appello allo Stato di Israele affinché arresti questo processo unilaterale, che porrebbe irrimediabilmente fine ad ogni speranza di riuscita del processo di pace.

Il Consiglio fa appello anche agli Stati Uniti d’America, alla Federazione Russa, all’Unione Europea e alle Nazioni Unite affinché rispondano nel più breve tempo possibile a questi piani di annessione unilaterale con una precisa volontà di pace, secondo il Diritto Internazionale e le risoluzioni delle Nazioni Unite in materia, al fine di garantire una pace completa, giusta e duratura in questa parte del mondo che è considerata Santa dalle tre Fedi Abramitiche.

Facciamo appello anche all’Organizzazione per la Liberazione delle Palestina, come alla sola legittima Rappresentante del Popolo Palestinese, affinché risolva i conflitti interni - così come ogni conflitto con le altre fazioni che non sono sotto la sua protezione – per offrire un fronte compatto, impegnato a raggiungere la pace e a costruire uno Stato sostenibile fondato sul pluralismo e sui valori democratici.

+Patriarca Theophilos III, Patriarcato Greco-Ortodosso

+Patriarca Nourhan Manougian, Patriarcato Apostolico Armeno Ortodosso

+Arcivescovo Pierbattista Pizzaballa, Amministratore Apostolico, Patriarcato Latino

+P. Francesco Patton, ofm, Custode di Terrasanta

+Arcivescovo Anba Antonious, Patriarcato Copto Ortodosso, Gerusalemme

+P. Gabriel Daho, Vicario Generale Patriarcato Siro-Ortodosso

+Arcivescovo Aba Embakob, Patriarcato Etiope Ortodosso

+Arcivescovo Yaser AL-Ayash, Patriarcato Cattolico Greco-Melkita-

+Arcivescovo Mosa El-Hage, Esarcato Patriarcale Maronita

+Arcivescovo Suheil Dawani, Chiesa Episcopaliana di Gerusalemme e del Medio Oriente

+Vescovo Ibrahim Sani Azar, Chiesa Evangelica Luterana in Giordania e in Terra Santa

+Padre Ephram Samaan, Esarcato Patriarcale Siro-Cattolico

+Mons. Joseph Nersès Zabarian, Esarcato Patriarcale Armeno Cattolico

Photo: ©lpj.org