Beta Version

Una delegazione patriarcale visita la parrocchia di Ain Arik

Published: January 16 Thu, 2020

AIN ARIK – Domenica 5 gennaio 2019 una delegazione guidata da Mons. Pierbattista Pizzaballa, Amministratore Apostolico del Patriarcato Latino, ha visitato la parrocchia di Ain Arik per una visita pastorale.

La delegazione del Patriarcato latino è stata accolta da padre Hanna Cinti, parroco e superiore della “Piccola famiglia dell’Annunciazione”, una piccola comunità monastica molto coinvolta nel funzionamento e nelle attività della parrocchia.

La messa è stata celebrata nella chiesa parrocchiale dell’Annunciazione. Il vescovo Pizzaballa ha presieduto la celebrazione eucaristica, circondato dal Vicario patriarcale per Gerusalemme e Palestina, il vescovo Giacinto Boulos-Marcuzzo, padre Aziz Halaweh, originario della parrocchia, e padre Ibrahim Shomali.

Nella sua omelia, Mons. Pizzaballa ha parlato a lungo del tema della pace, facendo riferimento al messaggio di Papa Francesco a favore del dialogo e della riconciliazione. A questo proposito, ha ricordato che la mancanza di dialogo, sia all’interno della famiglia, sia tra le comunità o anche tra i villaggi, è una delle principali minacce alla pace.

Dopo la fine della Messa si è svolto un tradizionale scambio di saluti, durante il quale padre Hanna Cinti ha parlato con le famiglie. La delegazione si è poi recata a casa della famiglia di padre Aziz, prima di partecipare ad un pasto conviviale che ha riunito tutta la comunità.

I giovani di Ain Arik sono molto attivi nella loro parrocchia, e in particolare le ragazze, che sono all’origine di molte iniziative capaci di mantenere viva la piccola comunità cristiana del villaggio. Sul posto è presente anche una scuola del Patriarcato latino che accoglie tutti i bambini musulmani del villaggio.

La piccola famiglia dell’Annunciazione è stata fondata dal grande professore universitario italiano Giuseppe Dossetti. Ex politico che contribuì alla costituzione della Repubblica Italiana nel 1946, lasciò tutto per dedicarsi alla vita monastica.

Geoffroy Poirier-Coutansais