stemma logo

Home news
Archives News

 

 

News from the Latin Patriarchate

Angelus domenica 8 marzo 2009
Il pontefice chiede il sostegno dei fedeli
per il viaggio in Terra Santa


video di telepace holy land tv

CITTA' DEL VATICANO, domenica, 8 marzo 2009 (ZENIT.org).- Benedetto XVI ha chiesto questa domenica il "sostegno spirituale" dei fedeli in vista del pellegrinaggio che effettuerà dall'8 al 15 maggio in Terra Santa.

Nella sua visita in Giordania, Israele e Territori palestinesi, le cui date sono state confermate da un comunicato della Sala Stampa della Santa Sede, il Pontefice visiterà Amman, Gerusalemme, Betlemme e Nazaret.

Secondo la nota vaticana, il Papa realizzerà la visita accogliendo l'invito del re di Giordania, del Presidente di Israele, del Presidente dell'Autorità Nazionale Palestinese e dei pastori cattolici della Terra Santa.

La nota non fornisce altri dettagli. Nei giorni scorsi, un portavoce della Chiesa cattolica in Giordania, padre Rifaat Bader, ha precisato che il Papa visiterà il monte Nebo (40 km a sud di Amman) e inaugurerà una chiesa sul luogo del Battesimo di Gesù, presso il fiume Giordano.

Per il portavoce, è previsto anche un incontro con dirigenti islamici giordani nella moschea del re Hussein (ad Amman). Il Papa parteciperà inoltre a una cerimonia in ricordo delle vittime della Shoah nel memoriale dell'Olocausto Yad Vashem e incontrerà i più alti rappresentanti religiosi ebrei a musulmani.

A Gerusalemme incontrerà Shimon Peres, Presidente di Israele, e a Betlemme il Presidente dell'Autorità palestinese Mahmoud Abbas.

Nell'Angelus di questa domenica, il Papa ha affidato alle preghiere dei fedeli il viaggio in Terra Santa e quello in Africa, che lo vedrà visitare il Camerun e l'Angola dal 17 al 23 marzo "per manifestare la concreta vicinanza mia e della Chiesa ai cristiani e alle popolazioni di quel continente che mi è particolarmente caro".

Circa il pellegrinaggio in Terra Santa, il Pontefice ha affermato che sarà un'occasione "per domandare al Signore, visitando i luoghi santificati dal suo passaggio terreno, il prezioso dono dell'unità e della pace per il Medio Oriente e per l'intera umanità".

"Sin d'ora conto sul sostegno spirituale di tutti voi, perché Iddio mi accompagni e ricolmi delle sue grazie quanti incontrerò sui miei passi", ha aggiunto.

 

Home Page