INVITO – La 13 ° edizione della Preghiera Straordinaria di tutte le Chiese per la Riconciliazione, l’Unità e la Pace si terrà il 19 giugno 2016 alle 18, ora Terra Santa, al maronita Patriarcale di Gerusalemme, il giorno della celebrazione della Pentecoste secondo il calendario Juliano seguito da molte Chiese orientali. 

La Preghiera Straordinaria del 19 giugno 2016 è ospitata e organizzata dalla Chiesa maronita, una Chiesa cattolica orientale di rito siriaco in piena comunione con la Chiesa cattolica romana, e presieduta da S.E. Mgr. Moussa El-Hage, Arcivescovo maronita della Arcieparchia di Haifa e di Terra Santa, e Esarca Patriarcale di Gerusalemme, Palestina e Giordania.

Le Chiese di Gerusalemme dal 2010 chiamano ripetutamente tuti i Cristiani nel mondo e tutte le persone di buona volontà ad unirsi in una speciale, grande preghiera di intercessione per il nostro tempo. La preghiera viene organizzata a turni dalla varie Chiese, che partecipano alle preghiere organizzate dalle altre Chiese. A Gerusalemme, le Chiese sono vicine l’una all’altro in modo unico, essendo tutte presenti attorno ai Luoghi Santi. La Preghiera Straordinaria di tutte le Chiese per la Riconciliazione, l’Unità e la Pace, cominciando da Gerusalemme, si basa sulla fede della Chiesa di Gerusalemme nella sua vocazione di essere e di rimanere in qualche modo un punto di partenza per la Chiesa, e soprattutto per la sua piena comunione, con il grande carisma della prima Pentecoste, e anche in ragione della loro fattuale, comune presenza attorno ai Luoghi Santi della Salvezza.

In questo tempo di terribili prove per molte persone, e soprattutto per i Cristiani nel mondo, particularmente in Medio Oriente, la culla del cristianesimo, la preghiera del 19 giugno 2016 vuole essere un invocazione solenne per la misericordia di Dio e per la venuta dello Spirito Santo, per fare nuove tutte le cose e tutti i cuori. La preghiera seguirà il rito della celebrazione della Pentecoste, con l’invocazione della venuta dello Spirito Santo sul mondo e sul nostro tempo.

La celebrazione comprenderà una processione dei Capi delle Chiese di Gerusalemme o dei loro rappresentanti sul tetto dell’Esarcato Patriarcale, che è situato al centro della Città Vecchia di Gerusalemme, con una magnifica vista sulla Città Santa, e, in particolare, sulla Basilica del Santo Sepolcro, o Basilica della Resurrezione (Anastasis), costruita nel luogo stesso in cui Cristo è morto sulla croce e risorto. Dal tetto, daranno la benedizione finale a tutti i partecipanti e benediranno insieme piccole bottiglie di acqua, simbolo dello Spirito Santo, da distribuire come ricordo della forza che viene dallo Spirito Santo in tempi difficili.

Come per tutte le edizioni precedenti della Preghiera Straordinaria, tutte le Chiese di Gerusalemme e di tutte le comunità cristiane, e in particolare i loro pastori, sono personalmente invitati a partecipare alla celebrazione. Al fine di consentire a qualsiasi persona in tutto il mondo di unirsi in una comunione spirituale con la preghiera di Gerusalemme, quest’ultima sarà trasmessa in diretta o in modi diversi da canali televisivi cristiani in Medio Oriente, Europa, Nord e Sud America e, eventualmente, in Asia e Australia, in sei lingue. Esso sarà seguito da un documentario sulla Chiesa maronita, l’ospite di questa edizione.

La diffusione della Preghiera Straordinaria viene coprodotta, a sostegno delle Chiese e comunità di Gerusalemme, dall’Associazione per la Promozione dell’Iniziativa di Preghiera Straordinaria (APEPI) e dal Christian (precedentemente “Franciscan”) Media Center (CMC), Gerusalemme, a loro volta sostenuti da canali televisivi cristiani particolarmente implicati, come Cancao Nova, Noursat-Telelumière e Maria Vision.

www.prayrup.info

image_print
Designed and Powered by YH Design Studios - www.yh-designstudios.com © 2017 All Rights Reserved
X