Amministrazione generale

È stato un grande onore per me ricevere la domanda di diventare, dall’inizio di settembre 2017,  il primo laico ad assumere la carica di Amministratore Generale del Patriarcato latino. È vero che nella Chiesa universale c’è oggigiorno una tendenza ad attribuire responsabilità di questo tipo a laici, ma nel nostro contesto, carico di storia e di tradizione, questa scelta costituisce un cambiamento storico. La mia speranza e il mio sogno sono che questo cambiamento produca frutto attraverso la collaborazione e le responsabilità condivise tra i religiosi e i laici e che tutto ciò conduca il Patriarcato latino  a nuove eccellenze per servire al meglio la comunità locale. Proprio per questo, nel prossimo futuro, il lavoro di squadra sarà  fondamentale, nessuno infatti potrebbe riuscire da solo senza lo sforzo comune dei più immediati collaboratori e di tutto il personale.

Qualche parola per farmi conoscere. Sono nato in Città Vecchia a Gerusalemme e per la maggior parte del mio impegno professionale sono stato impiegato in istituzioni della Chiesa Cattolica in Terra Santa. Completati gli studi negli Stati Uniti, sono tornato in Palestina nel 1980 e ho cominciato a lavorare all’Università di Betlemme dove in due distinti periodi, ricoprendo diverse funzioni, sono rimasto per 24 anni. In quel periodo ho assunte diverse responsabilità tra le quali: insegnante assistente, lettore, decano di facoltà della Facoltà di Business Administration, Vice presidente assistente per gli affari della facoltà, e poi  primo laico incaricato quale Vice presidente assistente per le finanze e la pianificazione dal 2000 al 2009.

Sentendo il peso dell’amministrazione e del lavoro di routine, mi sono spostato su un nuovo settore di lavoro entrando – era il 2009 – nel CNEWA-Pontifical Mission di Gerusalemme come secondo Direttore regionale per la Palestina e Israele. Ho così potuto conoscere il lavoro umanitario e di sviluppo oltre a essere coinvolto nel supporto istituzionale di decine delle più importanti istituzioni Cristiane, provvedendo a servizi di qualità per le comunità più sprovviste nei settori dell’educazione, della salute e dei servizi sociali.

Dopo otto anni presso il CNEWA-PMP, si presenta un nuovo tempo di cambiamento, sono chiamato a sfruttare  la mia esperienza di management  in amministrazione e finanza, acquisita all’Università di Betlemme, insieme a quella umanitaria e di sviluppo, raccolta al CNEWA –PMP, per affrontare i cambiamenti e le opportunità che il Patriarcato latino offre, data la natura dei suoi servizi. Il Patriarcato non è solamente la Chiesa locale con una Diocesi che include ben quattro stati in Terra Santa, ma coi suoi importanti servizi, attraverso molte istituzioni, entra in molti settori primo fra tutti quello dell’educazione mediante una rete di 45 scuole in Giordania, Israele e Palestina. In aggiunta a questo, non possiamo non considerare il supporto umanitario, medico, formativo e pastorale fornito a migliaia di persone ogni anno, e nemmeno i due centri per anziani svantaggiati a Taybe e ad Amman, per ricordarne solo alcuni.

Guardando al futuro possiamo vederne uno promettente con l’intenzione di sostenere le Comunità cristiane presso le quali operiamo, con attenzione speciale verso gli svantaggiati, i deboli, i poveri gli emarginati. Ho spesso affermato che i laici sono ospiti delle istituzioni presso le quali si trovano a operare. Qualcuno resta per un periodo breve altri più a lungo. Alcuni lasciano una traccia profonda e altri nulla. Di certo tutti passiamo e le istituzioni restano, crescono e continuano a rendere i loro servizi di qualità. Per questo, il nostro impegno ad operare con professionalità e fiducia, costruisce sul fondamento lasciato dal duro lavoro di persone che vi hanno  servito prima di noi e prepara la strada a chi verrà dopo con lo scopo di continuare a costruire. Cosi, mantenere un altro profilo etico e di morale professionale basato sugli insegnamenti del Salvatore sarà la chiave del nostro successo e delle istituzioni che siamo chiamati a servire.

Per favore, pregate per tutti noi affinché il nostro lavoro continui a essere guidato dallo Spirito Santo e dai principi cristiani così cari alla nostra anima.

Al Suo servizio.

Sami El-Yousef

25 settembre 2017


Indirizzo:
Patriarcato latino di Gerusalmme
Porta Giaffa – Città Vecchia P.O.Box 14152
91141 Gerusalemme
Tel : (+972) (0)26282323
Fax : (+972) (0)26275392
Email: ceo@lpj.org