Omelia di Mons. Pierbattista Pizzaballa alla messa funebre di Fratel Yohanan Elihai

Published: July 24 Fri, 2020

Omelia di Mons. Pierbattista Pizzaballa alla messa funebre di Fratel Yohanan Elihai Available in the following languages:

Il nostro fratello Yohanan non c’è più!

È difficile immaginare le comunità cattoliche di lingua ebraica senza Yohanan. Era qui dall'inizio, non solo come una presenza ma come una mente pensante, un cuore pulsante, un'anima che accompagna - e naturalmente con il dono di definire in ebraico in modo preciso la nostra chiamata come testimoni di Gesù nella società ebraica in Israele, e dandoci le parole ebraiche per esprimerlo. Aggiungerò: non solo come dirlo, ma come cantare, lodare e ringraziare ... un uomo di lingua ebraica e di canto israeliano. Dagli anni '50 ha accompagnato le kehillot come una ostetrica. Incoraggiava e sosteneva, si opponeva e criticava, spingeva e tirava, e ad ogni passo aveva qualcosa da dire. È difficile rendersi conto che ora non c'è più.

Il suo amore per questa terra e per tutti i suoi abitanti, la sua lealtà nei confronti del popolo ebraico e il suo profondo legame con le lingue ebraica e araba hanno plasmato la vita dell'uomo che è rimasto fedele fino alla fine al Messia e alla sua Chiesa. Mi vengono in mente tre caratteristiche della sua personalità quando mi ripenso a lui seduto davanti a me, con il suo sguardo penetrante:

Yohanan era un uomo d'amore. Ha donato la sua vita per seguire la chiamata di lasciare la sua terra natale, di mettere radici in questa terra, di penetrare nelle profondità della sua anima e di adottare un popolo e un paese con cui si sarebbe identificato fino alla fine della sua vita. Arrivò per la prima volta in Medio Oriente nel 1946, e così iniziò il viaggio che sarebbe continuato fino al suo ultimo giorno. In quell'anno attraversò Israele con un treno che lo portò dall'Egitto al Libano (è difficile credere che solo qualche decennio fa una cosa del genere fosse possibile e che qualcuno di noi avrebbe potuto farlo, e che oggi invece è impossibile), e tornò un anno dopo come pellegrino. Dopo altre due visite, quando divenne membro dei Piccoli Fratelli di Gesù, venne nel 1956 per rimanere. Tuttavia, la sua vita in Israele, che doveva continuare per 64 anni, iniziò spiritualmente molto prima di allora. Diceva spesso che la svolta della sua vita è avvenuta quando guardava le foto degli orrori della Shoah appese fuori dall'ambasciata americana a Parigi dopo la liberazione dall'occupazione nazista. Aveva allora diciotto anni. Spiegava sempre: “Perché sono qui? Per questo”. Il diciottenne ha vissuto lì il roveto ardente e lì ha risposto "eccomi".

In questo paese, Yohanan vide la realtà in via di sviluppo e per il suo profondo amore per il popolo ebraico era anche critico, specialmente durante gli ultimi anni in cui gli eventi del conflitto doloroso qui in corso lo pesavano molto. Si dedicò alla costruzione di ponti attraverso il suo impressionante progetto per insegnare l'arabo agli ebrei e la sua documentazione del dialetto palestinese della lingua araba. Non è riuscito a portare la pace (e non c'è dubbio che continuerà i suoi sforzi da dove si trova ora), ma come uomo d'amore non ha abbandonato il suo amore anche quando i difetti dell'amato sono diventati evidenti e gli hannp causato un grande dolore.

Yohanan era un uomo fedele. Spesso la fedeltà viene rivelata nei momenti di dolore e delusione. Ci sono stati molti momenti del genere durante la lunga vita di Yohanan. Chi molto ama conoscerà anche molto dolore. Innanzitutto, la scoperta degli orrori della Shoah ha sollevato molte domande sull'eredità cristiana in cui è stato cresciuto. Yohanan fece molto per aumentare la consapevolezza della responsabilità della Chiesa nella sua complicata storia con il popolo ebraico. Nonostante le critiche e la lotta per provocare il cambiamento, Yohanan fu fedele alla Chiesa fino alla sua morte. Entrambi abbiamo parlato molto sull'argomento. Era paziente con me. All'inizio è stato difficile per me, come uomo che proviene da una cultura decisamente cattolica, capire ciò che era da lungo tempo chiaro a Yohanan: la nostra responsabilità di cristiani in quello che è successo. Non solo ha insistito per darmi insegnamenti sulla storia dolorosa e sulla nostra responsabilità, ma anche sul cambiamento nella Chiesa iniziato negli anni '50, e mi ha sopraffatto con documenti di un certo numero di vescovi della Chiesa ... Era pieno di speranza (e talvolta delusione) quando sono stati pubblicati vari documenti sull'argomento della Shoah o delle relazioni ebraico-cristiane.

Anche nella comunità cattolica di lingua ebraica non si sentiva sempre compreso. La visione che ha diffuso davanti ai suoi ascoltatori non è stata accolta dall'entusiasmo di tutti, e negli ultimi anni ha spesso espresso la sua stanchezza e delusione, ma ciò non gli ha mai impedito di venire la domenica e in altre festività alla messa nella comunità di Gerusalemme, partecipando all'Eucaristia ed esprimendo affetto e incoraggiamento ai membri della comunità.

Yohanan era un uomo delle Beatitudini. Abbiamo letto il Vangelo di San Matteo che viene spesso ascoltato ai funerali. Le parole delle Beatitudini ci sono molto familiari. I versi ovviamente descrivono Gesù stesso, povero di spirito, umile, affamato e assetato di giustizia, misericordioso, puro di cuore, pacificatore. Chi crede in Gesù sa che deve interiorizzare queste caratteristiche come la regola di vita secondo l'insegnamento di Gesù - e formarsi secondo la figura di Gesù come viene rivelato dal Discorso della Montagna. So che Yohanan ha contemplato il suo Maestro e Signore rivelato sulla montagna, l'uomo a cui ha affidato la sua vita di discepolo. Tuttavia per noi che lo conoscevamo e abbiamo imparato da lui, Yohanan era anche un messaggero del suo Maestro. Non è facile vivere secondo questa regola, e non c'è dubbio che sia stato difficile anche per Yohanan, ma sono sicuro che per noi oggi posso dire che abbiamo perso una testimonianza vivente delle Beatitudini, un'immagine di un amorevole e fedele discepolo ... e abbiamo guadagnato un'altra persona che prega per le nostre comunità in cielo, per tutta la Chiesa, per il popolo e la terra di Israele.

Ancora una parola sul suo "sogno". Coloro che erano vicini a Yohanan sanno che era un uomo che aveva un "sogno", dalla sua giovinezza ai suoi ultimi giorni. Non ha mai smesso di sognare. In questo, era un uomo della sua generazione, la generazione che ha assistito alla catastrofe della seconda guerra mondiale e della Shoah, ma anche il periodo successivo alla guerra. E ciò che caratterizzava quel periodo era un bisogno, un desiderio di cambiamento. Volevano cambiare la società e costruire un mondo nuovo e diverso, affinché ciò che accadeva non dovesse mai più accadere. Il mondo della Chiesa condivideva lo stesso bisogno: cambiare il volto della Chiesa (e dieci anni dopo vedemmo il Concilio Vaticano II). Come ho detto all'inizio, Yohanan voleva identificarsi con il popolo ebraico, ma si identificava anche con questi movimenti.

È arrivato in Israele con quella speranza e quell'impulso: cambiare e costruire. E con quella speranza ha iniziato, insieme ad altri membri, le comunità cattoliche di lingua ebraica. Voleva una Chiesa con le sue radici tra il popolo ebraico, parlando in ebraico. Non solo una Chiesa che avrebbe espresso la sua fede cristiana nelle parole ebraiche (ha inventato la maggior parte dei termini cristiani che usiamo oggi come la parola per "Comunione"), ma anche una Chiesa che esprimesse i concetti cristiani in un modo comprensibile e accettabile per il popolo ebraico. Quello era il suo modo di esprimere la sua identificazione, vicinanza e amore per il popolo ebraico.

Cosa rimane del suo "sogno"? Non lo so. La storia ci dirà. Ma ci lascia un patrimonio prezioso. Non so se il contenuto del suo sogno si realizzerà prima o poi, ma so che dobbiamo imparare da lui a sognare. I sogni sono la base di tutte le speranze, di tutti gli impulsi per costruire, guardare avanti ...

Mi chiedo se oggi siamo capaci di sognare, se abbiamo lo stesso bisogno e lo stesso desiderio che hanno caratterizzato la sua generazione.

Questa è l'eredità di Yohanan. Forse non saremo in grado di identificarci completamente con il suo sogno, perché viviamo in tempi completamente diversi. Eppure dobbiamo impegnarci per continuare a sognare.

Sì Yohanan, continua a esortarci in modo da non accontentarci, in modo da avere sempre la voglia, la speranza, la volontà di cambiare, di costruire con la stessa fedeltà e amore che ci hai mostrato durante la tua fruttuosa vita.

Che la tua memoria sia una fonte di benedizione!

+Pierbattista