"Gli spazi sacri devono essere spazi sicuri": commissione congiunta per la tutela dei minori tra VMAS e Vicariato di San Giacomo

"Gli spazi sacri devono essere spazi sicuri": commissione congiunta per la tutela dei minori tra VMAS e Vicariato di San Giacomo

"Gli spazi sacri devono essere spazi sicuri": commissione congiunta per la tutela dei minori tra VMAS e Vicariato di San Giacomo
By: LPJ Ufficio stampa Published: 27/07/2022

"Gli spazi sacri devono essere spazi sicuri": commissione congiunta per la tutela dei minori tra VMAS e Vicariato di San Giacomo Available in the following languages:

Il 27 luglio 2022, don Nikodemus Schnabel, OSB, Vicario patriarcale per i migranti e i richiedenti asilo (VMAS), e don Piotr Zelazko, Vicario patriarcale per il Vicariato di San Giacomo, hanno firmato un accordo sulla protezione dei minori, "fermamente radicato nella convinzione che ogni persona, essendo creata a immagine di Dio, ha un valore unico".

"Sono molto grato di essere arrivato a questo punto", ha detto padre Nikodemus. "Nei nostri vicariati ci occupiamo di bambini e migranti, vulnerabili o in situazioni di disagio. Credo sia fondamentale dare loro l'attenzione di cui hanno bisogno. Gli spazi sacri devono essere spazi sicuri", ha concluso.

L'accordo, redatto congiuntamente dai due vicariati, prevede la creazione di un "Comitato congiunto per la protezione dei bambini", la cui missione sarà quella di proporre misure concrete per la protezione dei minori, da attuare e promuovere nei vicariati - questo al fine di "unire i loro sforzi con quelli del Patriarcato latino di Gerusalemme nel suo complesso per la protezione dei minori e delle persone vulnerabili".

"Abbiamo una lunga tradizione di protezione dei minori e qui in Terra Santa, collaborando con molte istituzioni professionali internazionali, siamo davvero leader in questo settore", afferma p. Piotr, "spero che la creazione di questo comitato ci permetta di essere ancora più bravi ed efficaci, perché come rappresentanti della Chiesa cattolica, dobbiamo davvero essere noi a guidare la strada per proteggere efficacemente i giovani". C'è ancora molto da fare, ma sono felice che stiamo lavorando insieme per raggiungere questo obiettivo".