Visite alle comunità indiane di lingua malayalam di Beersheba e Herzliya: due riti, molte difficoltà, ma una sola fede

Visite alle comunità indiane di lingua malayalam di Beersheba e Herzliya: due riti, molte difficoltà, ma una sola fede

Visite alle comunità indiane di lingua malayalam di Beersheba e Herzliya: due riti, molte difficoltà, ma una sola fede
By: LPJ Ufficio stampa Published: 19/07/2022

Visite alle comunità indiane di lingua malayalam di Beersheba e Herzliya: due riti, molte difficoltà, ma una sola fede Available in the following languages:

Il 15 e il 16 luglio, padre Nikodemus Schnabel, O.S.B., vicario patriarcale per i migranti e i richiedenti asilo (VMAS) del Patriarcato latino, ha effettuato due visite alle comunità di lingua malayalam della cappellania indiana di Beersheba e Herzliya. È stato accompagnato dal sacerdote responsabile di queste due comunità, P. Babu Jose Kainickal, O.F.M. Capp. che è responsabile del "Capitolo di Gerusalemme" della Cappellania indiana di lingua malayalam. Questo capitolo è composto da otto diverse comunità, comprese le due più piccole di Beersheba e Herzliya, ognuna con 40-60 fedeli.

Sebbene la maggior parte di queste comunità celebri secondo il rito siro-malabarese, le più grandi (Gerusalemme, Tel Aviv e Haifa) celebrano occasionalmente secondo il rito latino, poiché un piccolo gruppo di indiani di lingua malayalam vi appartiene. Questo fine settimana, poiché p. Nikodemus era stato invitato a presiedere la celebrazione, le due comunità di Beersheba e Herzliya hanno celebrato per la prima volta nella loro vita l'Eucaristia in inglese, secondo il rito latino.

Nelle discussioni con i fedeli che hanno seguito le funzioni, è stata espressa molto chiaramente una grande necessità: in entrambi i luoghi, gli indiani di lingua malayalam soffrono di una mancanza di libertà religiosa. Molti dei loro datori di lavoro vietano loro di pregare, praticare la fede e andare in chiesa. Durante la liturgia, le preghiere sono state quindi rivolte a tutte quelle sorelle e quei fratelli che avrebbero voluto partecipare ma non hanno potuto farlo.