I vincitori del concorso biblico incontrano il Papa in Vaticano

By: Vicariato patriarcale latino di Israele - Published: August 08 Mon, 2022

I vincitori del concorso biblico incontrano il Papa in Vaticano Available in the following languages:

ROMA - Dopo una pandemia durata due anni, i vincitori del concorso biblico annuale tenutosi a Nazareth hanno finalmente potuto recarsi in pellegrinaggio in Vaticano e incontrare Sua Santità Papa Francesco.

L'incontro è stato coordinato dalla Nunziatura Apostolica e il Patriarcato Latino, rappresentato da Mons. Rafiq Nahra, Vicario Patriarcale per Israele.

Al pellegrinaggio hanno partecipato tutti i vincitori della quarta, quinta e sesta edizione del Concorso biblico, che non avevano potuto viaggiare prima a causa della pandemia COVID-19. Erano accompagnati non solo dal vescovo Rafiq Nahra, ma anche da padre Marwan Dadis, il parroco di Nazareth, responsabile del concorso, e dalle loro famiglie.

Il Concorso biblico viene organizzato ogni anno a Nazareth, in collaborazione con il Club delle Famiglie Latine dell'Annunciazione e con il sostegno delle diocesi cattoliche sia occidentali che orientali e di istituzioni cristiane locali e straniere. Il concorso prevede 18 tappe, alle quali partecipano vescovi di tutte le chiese. Si conclude nella festa dell'Annunciazione, con la partecipazione di Sua Beatitudine Pierbattista Pizzaballa, Patriarca latino di Gerusalemme.

Quest'anno, dopo la sesta edizione del concorso svoltasi a marzo, i vincitori e la delegazione che li accompagna sono arrivati in Vaticano mercoledì 3 agosto. Oltre a visitare Roma, Napoli e l'Italia meridionale, hanno partecipato all’ udienza generale con Sua Santità Papa Francesco, alla quale hanno partecipato migliaia di persone provenienti da tutto il mondo. Tutti hanno ricevuto un caloroso benvenuto e la benedizione. Durante l'incontro, Papa Francesco ha anche sottolineato l'importanza e il ruolo del concorso per rafforzare lo spirito e gli insegnamenti dei Santi Vangeli tra i figli e le figlie della Terra Santa.