Benedizione della Maison d’Abraham dopo la sua completa ristrutturazione

By: Florence Budry/ lpj.org - Published: October 12 Tue, 2021

Benedizione della Maison d’Abraham dopo la sua completa ristrutturazione Available in the following languages:

GERUSALEMME - In occasione della festa del suo santo patrono, sabato 9 ottobre 2021, la Maison d’Abraham (Casa di Abramo) ha offerto un momento di preghiera e di fraternità con una vista mozzafiato sulla Città Vecchia, dopo più di tre anni di lavori di ristrutturazione .

Alla presenza del Console Generale di Francia, Sig. René Troccaz, il nuovo Nunzio Apostolico, Mons. Adolfo Yllana, ha celebrato la Messa in una verde “cappella” all’aperto, di fronte al Cenacolo e alle mura della Città Vecchia di Gerusalemme, accompagnato da Mons. Marcuzzo, vicario emerito del Patriarcato latino, da mons. Semaan, esarca patriarcale siro-cattolico e da più di cento amici della Maison d’Abraham.

I testi della liturgia erano quelli propri di questo grande giorno: Libro della Genesi (12,1-9); Lettera agli Ebrei (11,8-19) e Vangelo secondo Giovanni (8,51-59);i canti sono stati animati da un coro arabo cristiano.

Al termine della celebrazione, S. E. Mons. Yllana ha benedetto l’edificio ristrutturato, circondato da tutti i presenti.

Bernard Thibaud, direttore della Maison d'Abraham, e sua moglie Sylvie, padre Guy Tardivy e la comunità delle Suore Domenicane della Presentazione di Tours, con l’aiuto di tutto il personale della casa, hanno poi accolto i loro ospiti intorno a un buffet e organizzando piccoli “tour” della casa ristrutturata.

La Maison d'Abraham, gestita da Secours Catholique - Caritas France, dal 1964 accoglie pellegrini provenienti da tutte le religioni, in primis i meno abbienti. La casa è un ex monastero benedettino costruito nel 1902 sul Monte degli Ulivi, nel distretto di Ras el-Amud, e adibito alla formazione dei seminaristi siro-cattolici, fino alla loro partenza per il Libano, nel 1950.

Arrivato nove mesi fa, in piena pandemia, il nuovo direttore ha approfittato dell'assenza forzata dei pellegrini per svolgere tutti i lavori di ristrutturazione degli edifici e avviare nuove collaborazioni con gli agenti locali nei settori della pastorale, della solidarietà e della cultura.

La Maison d'Abraham, con i suoi maestosi edifici in pietra e di fronte a uno dei panorami più belli di Gerusalemme, sorge al centro di un parco terrazzato, coltivato a pini pendenti e ulivi, al riparo dai rumori della città. Ora, con una sala ricevimenti e camere da letto completamente rinnovate, attende i primi gruppi di pellegrini durante il mese di novembre.