Celebrando Maria Maddalena dopo Pasqua: "Ho visto il Signore!"

By: Cécile Leca/ lpj.org - Published: April 25 Mon, 2022

Celebrando Maria Maddalena dopo Pasqua: "Ho visto il Signore!" Available in the following languages:

MAGDALA - Menzionata per nome dodici volte nella Bibbia è una figura chiave nelle Sacre Scritture; santa Maria Maddalena viene solitamente celebrata il 22 luglio, sua festa liturgica. Tuttavia, poiché è stata la prima a vedere Cristo risorto, qui in Terra Santa, viene celebrata anche il primo sabato dopo Pasqua, nel sito di Magdala in Galilea.

"Donna, perché piangi? Chi cerchi?" Cristo le chiede dopo che è andata alla sua tomba (Giovanni 20:11-18). Santa Maria Maddalena non è solo la donna che seguì Gesù durante la sua Passione; è anche la prima testimone della sua risurrezione, la prima ad aver visto e creduto in Lui mentre gli Apostoli, per paura, si nascondevano a Gerusalemme. Il suo ruolo, che è così importante, è stato felicemente sottolineato da Papa Giovanni Paolo II nella sua lettera Mulieris dignitatem.

Così, ogni anno, la Chiesa latina locale della diocesi di Gerusalemme la celebra a Magdala, un luogo santo situato sulle rive del Mar di Galilea. Quest'anno, sabato 23 aprile, Sua Beatitudine Pierbattista Pizzaballa, Patriarca latino di Gerusalemme, accompagnato da Mons. Boulos Marcuzzo, Vescovo emerito e Titolare di Emmaus - dopo una pausa di due anni a causa della pandemia di COVID-19 - ha celebrato una Messa in suo onore nella chiesa di Duc in Altum (nome che rimanda alla lettera di Giovanni Paolo II “Novo Millennio Ineunte”).

"Tre anni fa, nel 2019, abbiamo celebrato questa festa non solo accanto ai nostri fedeli, ma anche con i fedeli greco-cattolici e maroniti", ha ricordato mons. Marcuzzo. "Ora che la pandemia sta volgendo al termine, spero che questa tradizione riprenda sul serio".

Un sito recente con una sinagoga del 1 ° secolo e diversi altri resti archeologici, Magdala, che un tempo sorgeva sulla Via Maris (una rotta commerciale della prima età del bronzo che collegava l'Egitto alla Mesopotamia), è stato riscoperto nel 2009 su iniziativa di Padre Juan María Solana. Fu durante i lavori successivi che fu ritrovata la famosa sinagoga, dove Gesù avrebbe potuto insegnare, così come la famosa "Pietra di Magdala" (il cui originale è conservato a Ginosar).

Oggi, con l'aiuto di molti volontari, Magdala continua a svilupparsi: accogliendo pellegrini locali e stranieri, organizzando pellegrinaggi online, promuovendo il ruolo delle donne, pianificando scavi archeologici... L'obiettivo? Continuare a valorizzare il ricco patrimonio storico, spirituale e culturale della casa natale di Maria Maddalena.