Descrizione suore in terra santa, capitolo 3: le Suore Brigidine

By: Cécile Leca/ lpj.org - Published: November 16 Wed, 2022

Descrizione suore in terra santa, capitolo 3: le Suore Brigidine Available in the following languages:

TERRA SANTA - Vestono di blu, marrone o bianco... Lavorano negli uffici, nelle scuole, nelle istituzioni, nelle chiese... Portano croci al collo, anelli al dito, velo sul capo... Sono le pietre vive della Chiesa Madre, le anime che lavorano discretamente per far risplendere la Chiesa. Dopo aver incontrato dieci piccole congregazioni femminili in Terra Santa, lpj.org vi invita a visitare le Brigidine, formalmente conosciute come Ordine del Santissimo Salvatore di Santa Brigida.

All'interno della cappella del monastero delle suore di Gerusalemme, situato vicino al Monte degli Ulivi

L'Ordine del Santissimo Salvatore di Santa Brigida fu fondato in Svezia, nel 1344, da una santa svedese di nome Birgitta. Nata nel XIV secolo da una nobile famiglia cristiana, sperimentò in tenera età esperienze mistiche ed ebbe visioni di Cristo e della Vergine Maria che la incoraggiarono a intraprendere il cammino della vita religiosa, con una specifica devozione al dolore patito da Gesù durante la sua Passione. Oggi l'ordine conta circa 787 auore sparse in tutto il mondo, tra cui un unico monastero di monache brigidine, fondato nel 1976 nell’Oregon.

La devozione alle sofferenze di Cristo gioca un ruolo importante nella spiritualità delle Brigidine, come dimostra il loro motto: "Amor Meus Crucifixus est" ("Il mio amore è il Crocifisso").

Una fondatrice, due cuori

Prima dell'Ordine delle Brigidine, c'era Santa Brigida. Sposatasi a quattordici anni, nonostante la sua volontà di dedicare la sua vita a Dio, diede al marito, un cavaliere e consigliere svedese, otto figli, sei dei quali sopravvissero all'infanzia e una di questi, una figlia, divenne nota come Santa Caterina di Svezia. Altruista, dedita alla preghiera e alla carità, Santa Brigida passava molto tempo a prendersi cura dei poveri e a leggere la Bibbia con il personale della casa.

Dopo la morte del marito, nel 1344, Santa Brigida aderì al Terz’Ordine di San Francesco, scegliendo di dedicare la sua vita ai poveri e ai malati. Poco dopo, ebbe una visione di Cristo che le disse di fondare un ordine religioso e di chiamarlo "Ordine del Santissimo Salvatore", e di dedicarlo a Sua madre, la Vergine Maria. Così nacquero le Brigidine.

Santa Brigida morì nel 1373 a Roma, dopo un pellegrinaggio in Terra Santa durante il quale si recò a Gerusalemme e a Betlemme. Fu sepolta nel monastero brigidino di Vedstena dalla figlia Santa Caterina e canonizzata da Papa Bonifacio IX nel 1391.

Tuttavia, in seguito alla riforma di Lutero del 1517 e agli altri sconvolgimenti politici dell'epoca, quasi tutti i monasteri brigidini scomparvero. All'inizio del XX secolo ne rimanevano solo quattro, con le sole suore.

Fu un'ex protestante, nata nel 1870 e convertitasi al cattolicesimo nel 1902, a dare nuova vita all'ordine; si chiamava Maria Elizabeth Hesselblad ed è stata canonizzata da Papa Francesco nel 2016. Nonostante la sua fragile salute, decise di far rivivere l'opera di Santa Brigida, infondendole nuova vita e ponendo al centro del suo carisma la preghiera per l'unità della Chiesa, allora divisa dalle riforme. Fedele alla prima fondatrice, Santa Maria Elisabetta diede all'ordine anche uno spirito di umiltà e semplicità, concretizzato nell'ospitalità che caratterizzava Santa Brigida e che oggi caratterizza tutte le Brigidine - accanto ad altri valori della vita religiosa, come l'ascolto, la contemplazione e l'adorazione eucaristica, l'interiorizzazione della Parola di Dio, la celebrazione solenne della Liturgia delle Ore e le attività apostoliche.

Suor Maria Guadalupe d'Avila Ramos, superiora del monastero di Gerusalemme, in una delle stanze della loro foresteria, simbolo dell'ospitalità propugnata da Santa Brigida e Santa Maria Elisabetta.

"I nostri compiti quotidiani comprendono la preghiera, lo studio, il lavoro, l'accoglienza degli ospiti... cerchiamo di adattarci alle varie esigenze e situazioni", dice suor Maria Guadalupe, entrata nell'Ordine nel 1982, a Città del Messico. "Vivendo intensamente questo lavoro e i valori che rappresenta, le mie aspirazioni si realizzano".

Quando le si chiede della sua patria, la risposta di Sr. Maria è immediata. "Se ho potuto lasciare il mio Paese, è solo grazie al mio Signore Gesù Cristo. Con Lui si può fare tutto, anche lasciare la patria e la famiglia per formarne una propria, perché Lui riempie tutto e di più".

La Regola di Santa Brigida

Quando fondò il suo ordine, Santa Brigida scrisse una regola molto precisa che stabiliva come dovevano vivere le Brigidine. "Il numero delle monache del coro non deve superare le sessanta unità, con quattro sorelle laiche; i sacerdoti devono essere tredici, secondo il numero dei tredici apostoli, dei quali Paolo, il tredicesimo, che non fu il meno faticoso; poi ci devono essere quattro diaconi che, se vogliono, possono essere anche sacerdoti e sono la figura dei quattro Dottori principali: Ambrogio, Agostino, Gregorio e Girolamo, poi otto fratelli laici, che con le loro fatiche serviranno i chierici, quindi contando trecentosessanta sorelle, tredici sacerdoti, quattro diaconi e gli otto servitori, il numero delle persone sarà uguale a quello dei tredici apostoli e dei settantadue discepoli".

La Regola di Santa Brigida stabiliva anche che i monaci dovevano avere venticinque anni per professare i loro voti perpetui, e le monache diciotto anni - poiché l'ordine originario poteva essere unito sia da uomini che da donne, sebbene le monache fossero di clausura, mentre i monaci potevano predicare e diventare missionari. Tutte le Brigidine dovevano inoltre rispettare il consiglio della santa povertà e non possedere altro che libri; tutto ciò che non era strettamente necessario doveva essere offerto ai poveri.

Sebbene sia stata Santa Brigida a fondare l'ordine, oggi sia lei che Santa Maria Elisabetta sono considerate il cuore della congregazione.

Un ordine, quattro rami

Nel corso dei secoli, l'Ordine del Santissimo Salvatore si è diviso in diversi rami. Uno, che continua a seguire rigorosamente la Regola di Santa Brigida, è costituito da due monasteri situati in Svezia e nei Paesi Bassi. Un altro, fondato da una monaca spagnola, segue una versione modificata della Regola e attualmente conta quattro monasteri, situati in Spagna, Venezuela e Messico. La terza, probabilmente la più conosciuta, si basa sugli insegnamenti di Santa Brigida e di Santa Maria Elisabetta e conta attualmente più di cinquanta monasteri in tutto il mondo.

In Terra Santa, le Brigidine vivono secondo i carismi di Santa Brigida e di Santa Maria Elisabetta.

"Prima della Terra Santa, sono stata responsabile di una comunità in Finlandia, poi in Norvegia e infine a Cuba, dove abbiamo fondato una comunità a La Habana e a Pinar del Río", spiega suor Maria Guadalupe. "In tutti questi luoghi, come membri delle Brigidine abbiamo cercato di dare il meglio di noi stessi, nell'umiltà e nel servizio all'altro, nel completo abbandono alla volontà di Dio. Se oggi sono qui, non è per i miei meriti, ma per i meriti di Gesù Cristo".

Le Brigidine a Betlemme e Gerusalemme

In Terra Santa si trovano due case di accoglienza gestite da suore brigidine: una a Gerusalemme e una a Betlemme. A Betlemme, la madre superiora della casa, suor Serena, la gestisce da cinque anni. "Questa casa ci è stata donata da un'associazione irlandese e ci siamo stabilite qui nel 2002. Ogni giorno accogliamo persone nella nostra casa, ma preghiamo anche per la pace e l'unità in tutto il mondo, e specialmente in Medio Oriente".

A Gerusalemme, la proprietà gestita dalle suore, situata ai piedi del Monte degli Ulivi, comprende non solo una casa per gli ospiti, ma anche un monastero, un centro conferenze e una sala riunioni. La madre superiora, suor Maria Guadalupe, ha emesso i voti definitivi nel 1988, dopo una formazione in Svizzera, Svezia e Finlandia. "Mi sono innamorata delle Brigidine, del loro carisma, del loro apostolato, del loro modo concreto di vivere e sperimentare la misericordia del Signore. Così ho seguito loro - e Cristo - senza pensarci due volte".

Nonostante le difficoltà legate al contesto politico del Paese, suor Maria Guadalupe mostra, riguardo al futuro, fiducia e speranza. "Prego affinché, giorno dopo giorno, viviamo con entusiasmo e gioia, nonostante le nostre diverse provenienze e nazionalità, con un unico scopo: lasciare che Dio agisca in noi. Spero che viviamo la Parola di Dio con passione, in tutto il nostro cuore, per poterla testimoniare agli altri. E prego che facciamo tutto ciò che è nelle nostre possibilità eagire per il bene della nostra Chiesa universale, di questa nostra società e di questa Terra Santa che accolgo e abbraccio con l'amore di Dio".

Ogni giorno le Brigidine pregano per l'unità della Chiesa, ma anche per la pace nel mondo.

Una rapida panoramica:

  • Nome: Ordine del Santissimo Salvatore (Brigidine)
  • Fondatrice: † Santa Birgitta
  • Acronimo: OSsS
  • Carisma: "Ripristinare l'unità nella Chiesa, cioè vedere il ristabilimento dell'unità di tutti i cristiani in accordo con i principi ecumenici della reazione del Concilio Vaticano stesso alla preghiera di Gesù".
  • Spiritualità: "Amare profondamente Cristo, soprattutto nel ricordo delle sue sofferenze" - "Dialogare ecumenicamente" - "Essere devoti della Beata Vergine Maria" - "Seguire uno stile di vita monastica semplice" - "Vivere pienamente il culto liturgico" - "Offrire ospitalità a tutti".
  • Paese di origine: Svezia
  • Localizzazione oggi: Svezia, Norvegia, Finlandia, Danimarca, Estonia, Polonia, Germania, Paesi Bassi, Inghilterra, Svizzera, Italia, India, Filippine, Indonesia, Stati Uniti, Cuba, Messico e Terra Santa.
  • Abito: grigio con un velo nero e una corona con cinque punte rosse, che rappresentano le cinque ferite di Cristo e ricordano la corona di spine che portò durante la sua Passione. Questa corona è chiamata "Corona delle Cinque Sante Piaghe".
  • Altre informazioni: fondato in Messico nel 2012, un ordine anglicano di Brigidine, chiamato Fraternità del Santissimo Salvatore, è stato approvato nel 2013 nella città di San Luis Potosí.  
  • Sito web (solo per Gerusalemme e Betlemme): https://bridgettinesistersjerusalem.wordpress.com/ e https://maryshousebethlehem.wordpress.com/

Capitolo successivo: le Discepole del Divin Maestro