Gemellaggio tra parrocchie: come una Luogotenenza, dalla propria parrocchia, può aiutare la Terra Santa

By: oessh.va - Published: October 14 Wed, 2020

Gemellaggio tra parrocchie: come una Luogotenenza, dalla propria parrocchia, può aiutare la Terra Santa Available in the following languages:

HOLLISTON / BEIT SAHOUR - Circa due anni fa, la parrocchia di St. Mary a Holliston, Massachusetts, USA, ha iniziato a preparare il suo 150 ° anniversario di fondazione. I parrocchiani volevano che l'anniversario fosse più di una commemorazione del passato e che divenisse un'opportunità per raggiungere gli altri in modo nuovo. Il parroco di St. Mary, p. Mark J. Coiro, ha proposto l'idea di adottare una “parrocchia sorella” - una comunità di fede cattolica da qualche parte nel mondo, con la quale poter entrare in un rapporto reciproco di preghiera e di sostegno.

La Luogotenenza Nordorientale degli Stati Uniti prende i contatti in Terra Santa per la parrocchia di St. Mary

Nel 2016 durante un pellegrinaggio in Terra Santa guidato da p. Coiro, sia lui che i parrocchiani che vi hanno preso parte sono rimasti scioccati da quanto lì sia difficile la vita per la minoranza cristiana.

La parrocchia, quindi, ha ritenuto opportuno cercare una parrocchia “sorella” in Terra Santa, con la quale gemellarsi. P. Coiro, membro dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, ha preso contatti con S E Jerry Foley, Luogotenente della Northeastern Lieutenancy, per essere aiutato nell'identificare la parrocchia adatta in Terra Santa. Nel mese di giugno 2019, durante la riunione delle Luogotenenze nordamericane il Luogotenente ha presentato la richiesta ed il Cardinale O'Brien, allora Gran Maestro, è stato molto favorevole all'idea. P. Coiro ha potuto così entrare in contatto con il dottor Sami El Yousef, amministratore delegato del Patriarcato latino, che ha identificato Nostra Signora di Fatima a Beit Sahour come una possibile "parrocchia sorella". Nel gennaio 2020 il Consiglio Parrocchiale di St. Mary ha accolto l'ipotesi di invitare la Parrocchia di Nostra Signora di Fatima, e nel febbraio 2020, don Issa Hijazeen, il parroco di Nostra Signora di Fatima, ha accettato la proposta di gemellaggio.

Entrambe le parrocchie hanno iniziato sostenendosi a vicenda nella preghiera. Don Issa ha promesso che ogni primo venerdì la Messa serale sarebbe stata offerta per i parrocchiani di St. Mary's a Holliston. A sua volta la parrocchia di St. Mary's ha ricambiato con la Messa del mattino di ogni primo venerdì del mese per i parrocchiani di Nostra Signora di Fatima. A St. Mary's, tutte le messe del fine settimana includono una preghiera di intercessione: "Per don Issa e i fedeli della nostra "parrocchia sorella", Nostra Signora di Fatima a Beit Sahour". Ogni mercoledì sera, durante l' Adorazione, don Issa prega per i parrocchiani di Holliston.

Il Covid-19 non interrompe il progetto

Era stato programmato un pellegrinaggio della parrocchia di St. Mary in Terra Santa per il marzo 2020, comprendente anche una visita e una celebrazione eucaristica con don Issa alla Madonna di Fatima. I parrocchiani di St. Mary avevano procurato oltre 200 nuovi libri in lingua inglese, dei DVD educativi e set di matite colorate che i pellegrini potessero portare con sé per i bambini della Scuola del Patriarcato di Beit Sahour. Interrogato, don Issa aveva detto che questi doni sarebbero stati i più utili, specialmente i libri, poiché gli scolari hanno un'ora al giorno di lettura in inglese.

Sfortunatamente, il pellegrinaggio è stato posticipato a causa della pandemia di COVID 19, quindi i regali hanno dovuto essere spediti. Ulteriori articoli scolastici verranno raccolti e portati quando il pellegrinaggio potrà svolgersi in sicurezza, si spera nel marzo del 2021. "Questa iniziativa suscita grande energia ed entusiasmo nella comunità parrocchiale di St Mary nei confronti di Nostra Signora di Fatima a Beit Sahour", commenta con gioia Gerard Foley, il Luogotenente. "Inoltre, questa consapevolezza e questo impegno a livello personale generano a St. Mary's anche un maggiore interesse tra giovani e anziani per l'Ordine Equestre. È un interesse che aiuta la Luogotenenza a crescere grazie a candidati adatti e ad aumentare i finanziamenti per sostenere la Chiesa Cattolica e la presenza cristiana in Terra Santa ", conclude.

Guardando avanti

Le due parrocchie stanno anche studiando la possibilità di una borsa di studio sponsorizzata da St. Mary's per la retta annuale completa di uno studente di Beit Sahour. Sono anche fiduciosi che la Truppa 14 dei Boy Scouts of America di St. Mary sarà in grado di formare collegamenti con la Truppa Boy Scouts of Palestine a Beit Sahour nella parrocchia di Nostra Signora di Fatima. Sarà interessante per i ragazzi imparare com'è lo scouting in un'altra terra e in un'altra cultura. St. Mary's è attualmente in procinto di istituire una bacheca informativa nel suo centro parrocchiale per aiutare le persone a conoscere meglio la loro nuova "parrocchia sorella". In essa si potrà leggere la storia della parrocchia Madonna di Fatima a Beit Sahour, aggiornamenti, informazioni sulle difficoltà che i cristiani devono affrontare in Terra Santa e su come essere coinvolti più da vicino in quelle realtà.