Gente di Gaza

By: Cécile Leca/ lpj.org - Published: June 27 Mon, 2022

Gente di Gaza Available in the following languages:

GAZA - Si chiamano George, Mohannad, Jennat, Rose o Nadia. Sono autisti, giornalisti, amministratori, segretari, direttori. Hanno famiglie, sogni, passioni, ricordi. Hanno tutti una cosa in comune: vivono nell'enclave palestinese di Gaza, lunga 41 km e larga da 6 a 12 km. Queste persone sono i volti di Gaza.

Fino al giugno 2007 Gaza era ancora inseparabile da Ramallah, Jenin o Nablus. Era relativamente facile entrare, non c'era il blocco e l'elettricità non era limitata a otto ore al giorno. È stato dopo le elezioni legislative del 2006, da quando Hamas ha ottenuto la maggioranza assoluta nel Parlamento palestinese, che tutto è cambiato. La Striscia di Gaza passò sotto il controllo di Hamas, mentre Fatah controllava la Cisgiordania.

A seguito di questo conflitto, il territorio più densamente popolato del mondo, che aveva accolto molti rifugiati durante le guerre arabo-israeliane, dal 2007 è una striscia di terra chiusa da un blocco imposto da Egitto e Israele. I suoi abitanti non possono uscire senza un permesso e spesso vivono in una difficile situazione politica, economica, sociale e sanitaria. La povertà e la disoccupazione sono endemiche e i problemi di approvvigionamento rendono difficile l'accesso all'assistenza sanitaria. Tuttavia, nonostante questo contesto, questi Gazesi continuano a dimostrare resilienza, speranza e carità ogni giorno della loro vita. Incontro con alcuni dei volti di coloro che vivono a Gaza.