Gli studenti delle scuole cristiane di Gerusalemme rispondono all'invito del Papa e si riuniscono per recitare il rosario

By: Ufficio di Catechesi del Patriarcato Latino - Published: October 19 Fri, 2018

Gli studenti delle scuole cristiane di Gerusalemme rispondono all'invito del Papa e si riuniscono per recitare il rosario Available in the following languages:

GERUSALEMME – Dopo l’incoraggiamento di Papa Francesco a recitare il Rosario in ottobre e in risposta all’iniziativa della Pontificia Fondazione per l’aiuto alla Chiesa che soffre – “Un milione di bambini recitano il Rosario per l’unità e la pace nel mondo”-  l’Ufficio di catechesi del Patriarcato latino di Gerusalemme ha proposto a tutte le scuole cristiane della diocesi di partecipare a questo progetto.

Per partecipare a questa iniziativa, l’Ufficio di catechesi ha preparato un programma speciale per gli studenti delle scuole cristiane della città di Gerusalemme, per i gradi terzo, quarto, quinto e sesto. Gli studenti del Collegio Terra Sancta, del Collegio dei Fratelli, della Scuola Nostra Signora del Pilar, del Collegio Schmidt e delle Suore del Rosario si sono riuniti per recitare il Rosario il giovedì mattina del 18 ottobre 2018. Duecentotrenta studenti e i loro insegnanti si sono riuniti nella Concattedrale del Patriarcato latino.

Suor Virginie Habib e la signora Nadine Bitar dell’Ufficio della Catechesi si sono sentite chiamate ad organizzare tale evento leggendo la lettera di Aid to the Church in Need (ACN): “Dopo aver letto la lettera che invita a questa preghiera, noi, come Chiesa di Gerusalemme, abbiamo sentito che questo invito era rivolto in modo particolare a noi. La lettera di ACN a tutti i bambini del mondo ricorda il miracolo avvenuto nella città di Jaffa di Nazareth, dove Santa Maria Alfonsina e un gruppo di bambini che recitano il Rosario hanno chiesto alla Vergine Maria di salvare una bambina caduta in un pozzo. »

La scelta della concattedrale era ovvia. “Siamo riuniti oggi alla Concattedrale del Patriarcato latino, luogo di nascita della Congregazione delle Suore del Rosario” – hanno spiegato gli animatori ai bambini riuniti –  ” e Maria Alfonsina, fondatrice della Congregazione, ha trascorso tutta la sua vita qui a Gerusalemme. »

La santa palestinese, dopo aver emesso i suoi primi voti nella Congregazione delle Suore di San Giuseppe dell’Apparizione, ricevette una richiesta della Vergine Maria e fondò un ordine che chiamò “Ordine del Rosario”. Santa Maria Alfonsina ha dedicato la sua vita e la sua missione a diffondere la preghiera del Rosario in tutte le parrocchie e scuole della diocesi.

Lo scorso giovedì mattina, i bambini della patria di Gesù si sono uniti ai bambini del mondo nella preghiera “Ave Maria, piena di grazia”, per portare la pace in Terra Santa e in tutti i paesi del mondo attraverso questa preghiera.

Questa iniziativa prende il spunto dalle parole di San Pio da Pietrelcina che disse  che “se un milione di bambini recitano il Rosario insieme, il mondo cambierà”. L’ iniziativa è stata ben accolta in tutto il mondo e in molte parrocchie della Palestina.

Si è deciso di organizzare questo incontro nel mese di ottobre, mese dedicato alla preghiera del Rosario, e più in particolare il 18, giorno in cui la Chiesa celebra la festa di San Luca, che ha introdotto nel suo Vangelo l’infanzia di Gesù Cristo e che era noto per la sua vicinanza alla Vergine Maria.

Al termine della cerimonia, gli studenti sono stati benedetti con le reliquie di Santa Maria Alfonsina e sono tornati alle loro scuole con la gioia di questo tempo condiviso.