I Patriarchi Latini Di Gerusalemme - Dieci fatti su Alberto Gori

By: Cécile Leca/ lpj.org - Published: May 23 Mon, 2022

I Patriarchi Latini Di Gerusalemme - Dieci fatti su Alberto Gori Available in the following languages:

GERUSALEMME - Dal ristabilimento del Patriarcato Latino di Gerusalemme nel 1847, con la pubblicazione della Lettera Apostolica Nulla Celebrior da parte del Sommo Pontefice Pio IX, dieci Patriarchi si sono succeduti alla guida di questa istituzione. Da Giuseppe Valegra all'attuale arcivescovo della diocesi, Pierbattista Pizzaballa, passando per Filippo Camassei e Michel Sabbah, tutti hanno portato il loro tocco personale a questa particolare chiesa cattolica che è il Patriarcato latino. Oggi, lpj.org vi invita a riscoprire il cammino dei primi patriarchi raccontandovi dieci aneddoti su ognuno di loro.

VI/ Mons. Alberto Gori - Patriarca dal 1949 al 1970

Note biografiche:

  • 9 febbraio 1889: nato a San Piero Agliana
  • 26 settembre 1907: si unisce ai frati minori francescani e emise la prima professione
  • 19 luglio 1914: ordinato sacerdote
  • 8 febbraio 1919: inviato in Terra Santa (Gerusalemme)
  • 22 Febbraio 1937: eletto Custode di Terra Santa (1937-1949)
  • 11 novembre 1949: nominato patriarca latino di Gerusalemme
  • 27 dicembre 1949: consacrato vescovo
  • 18 febbraio 1949: prese possesso della diocesi patriarcale di Gerusalemme dei Latini
  • Ha partecipato al Concilio Vaticano II
  • 4-6 gennaio 1964: accolse il Papa San Paolo VI nel suo storico pellegrinaggio in Terra Santa
  • 25 novembre 1970: morì e fu sepolto nella concattedrale patriarcale di Gerusalemme

Aneddoti:

  • Fu durante la prima guerra mondiale che raggiunse la Terra Santa

Quando scoppiò la guerra nel 1914, il patriarca Gori aveva venticinque anni. Era prete da appena dieci giorni. Due anni dopo, mentre infuriava il conflitto tra la Triplice Intesa e l'alleanza degli Imperi Centrali, divenne infermiere e riuscì ad essere inviato in Palestina quando vi fu inviato un distaccamento italiano. Una volta in Terra Santa, essendo francescano, si unì alla Custodia, diventando Custode nel 1937. Anni dopo, poco dopo la sua nomina a Patriarca latino di Gerusalemme, subito dopo la creazione dello Stato di Israele e i cambiamenti demografici che ne seguirono, dirà, non senza umorismo: "Come Custode, non ho avuto problemi finanziari; da patriarca non ne non sono mai uscito!”.

  • Prima di diventare patriarca, cercò di creare un consiglio ecumenico per la gestione dei Luoghi Santi

Come il patriarca Mons. Valerga prima di lui, il patriarca Gori si interessò molto alla questione dei Luoghi Santi e in particolare allo status quo. Nel 1946, quando era ancora Custode, propose la formazione di un consiglio permanente composto da membri cattolici, armeni e ortodossi, che avrebbe dovuto agire come unico gestore dei Luoghi Santi; fu molto determinato sui restauri da effettuare e nel trattare eventuali conflitti interni. Tuttavia, essendo il contesto politico dell'epoca particolarmente teso, la priorità non fu data ai Luoghi Santi e la sua proposta non ebbe successo.

  • Dopo la sua nomina a Patriarca, ha ricevuto un regalo dal Papa

Il 2 febbraio 1950, prima che l'arcivescovo Gori partisse per la Terra Santa, Papa Pio XII insieme alla sua benedizione apostolica gli regalò una "artistica croce pettorale d'oro". Questo non è stato l'unico regalo che il nuovo patriarca ha ricevuto; il cardinale Eugene Tisserant che lo consacrò vescovo nella basilica di Sant’Antonio in via Merulana a Roma, gli ha dato una lettera di congratulazione e tutto il necessario per celebrare le cerimonie pontificie; il cardinale Alfredo Schuster gli regalò una artistica custodia per la Santa Eucaristia. Ricevette anche altri doni, tra cui un anello d'oro, un pastorale d'argento, un candelabro e vari altri oggetti ornamentali. In occasione della sua nomina, è stato pubblicato anche un fascicolo di una quarantina di pagine che ripercorre il suo curriculum con testi, telegrammi e foto.

  • Una tempesta di neve ha interrotto il suo arrivo a Gerusalemme

Imbarcatosi a Napoli il 4 febbraio 1950 a bordo di una nave chiamata Esperia, il patriarca Gori, appena nominato, doveva recarsi a Beirut per incontrare il vescovo ausiliare Mons. Gélat, il vicario patriarcale Mons. Neemeh Semaan, il presidente della Missione Pontificia e il direttore dell'Unione scolastica cattolica ma i programmi andarono diversamente a causa del cattivo tempo; bloccati dalle strade innevate, la maggior parte di loro non è riuscita a raggiungere il Libano prima del Patriarca. Per quanto riguarda il vescovo Gori, la sua nave ha dovuto accelerare per sfuggire alla tempesta ed è approdata a Beirut prima dell'ora prevista e cioè verso le 6 del mattino mentre i preparativi per accoglierlo non erano ancora stati completati. Fortunatamente, il tempo era molto più mite quando entrò a Gerusalemme.

  • Ha fatto diverse visite pastorali in tutta la sua diocesi

Appena nominato patriarca, il vescovo Gori si è preoccupato di organizzare diverse visite pastorali nella sua diocesi. Ha iniziato con la Transgiordania; dal 15 al 31 aprile 1950, ha percorso circa 1.200 km e visitato 18 missioni. Il 6 maggio, ha proseguito la visita pastorale in Israele per 18 giorni visitando una ventina di ospizi e inoltre basiliche, chiese e comunità religiose. Ha terminato con la Palestina in giugno, cominciando da Betlemme e Beit Jala, poi Ramallah, Taybeh, Jifna, Aboud... la sua prima visita pastorale durata quattro mesi è stata conclusa il 30 luglio.

Per quanto riguarda Cipro, il Patriarca vi si recò per la prima volta il 18 maggio 1951 e vi rimase fino ai primi di giugno.

  • Il primo anno mariano ebbe luogo mentre era patriarca

L'8 settembre 1953, per celebrare il centenario della solenne proclamazione del dogma dell'Immacolata Concezione di Nostra Signora da parte di Papa Pio IX, Papa Pio XII dichiarò il 1954 "Anno Mariano", dedicato alla Vergine Maria. Per questa occasione, il vescovo Gori ha scritto una lettera pastorale per spiegare questa solenne proclamazione e per pubblicare le sue istruzioni per la celebrazione di questo anno. Ha anche istituito un comitato permanente per l'anno mariano, responsabile della preparazione del programma per tutto l'anno. Il 1954 è stato contrassegnato da omaggi alla Madre di Cristo, conferenze, celebrazioni scolastiche, cerimonie speciali, mostre, preghiere e pellegrinaggi, questo primo anno mariano terminò l'8 dicembre 1954.

  • Ha partecipato al Concilio Vaticano II

Nel 1960, il vescovo Gori fu nominato membro della Commissione Centrale, con lo scopo di preparare il futuro Concilio Ecumenico Vaticano II. Fino al 1962, si sono tenute diverse sessioni con la Commissione al completo. Naturalmente riservato, il vescovo Gori intervenne con molta discrezione e si affidandosi ai suoi consiglieri per aiutarlo nelle questioni indispensabili. Durante il Concilio, tuttavia, ha preso la parola in diverse occasioni per dare il suo punto di vista su vari argomenti. Ha parlato della menzione di confessioni non cristiane per le quali ha chiesto che siano indicate tutte e non solo alcune; della libertà di scelta del rito per un orientale che desidera riconsacrarsi alla Chiesa cattolica; della menzione degli inferi in un testo che tratta del Giudizio universale e di altre questioni; la maggior parte dei suoi interventi sono conservati nei comunicati finali del Concilio.

  • Ha ricevuto Papa Paolo VI in Terra Santa

Dopo la fine della terza sessione del Concilio Vaticano II, il Papa annunciò che avrebbe fatto un pellegrinaggio in Terra Santa. Un giornalista ha immediatamente disegnato un'immagine del vescovo Gori che annuncia la notizia alla sua diocesi da un telefono pubblico in un bar. Appena un mese dopo, il 4 gennaio 1964, il Patriarca accolse Paolo VI all'aeroporto di Amman. Era tanta la folla alla Porta di Damasco che il Papa non poté baciare la Croce presentatagli dal Patriarca per l’affollamento e l’entusiasmo della gente. L'arcivescovo Gori ha poi lasciato che il Santo Padre andasse al Santo Sepolcro, la sua vecchiaia non gli permetteva di seguire la processione. Il soggiorno di Papa Paolo VI fu poi costellato da numerose visite ai Luoghi Santi e a diversi luoghi chiave della diocesi non esclusa la Concattedrale del Patriarcato Latino.

  • Ha partecipato alla creazione della CELRA (Conferenza Episcopale dei Latini delle Regioni Arabe)

Dopo il Concilio Vaticano II, tra i vescovi del mondo arabo è sorto il desiderio di incontrarsi regolarmente in Conferenza. Il vescovo Gori li invitò per la prima volta il 7 novembre 1962: diciotto vescovi risposero al suo invito. Nel 1964, la CELRA fu fondata definitivamente e il Patriarca latino di Gerusalemme fu nominato presidente della Conferenza. Fino alla sua morte nel 1970, il vescovo Gori ha presieduto 21 riunioni.

  • Era naturalmente discreto

Senza pretese oratorie, dotato di un carattere conservatore e prudente e di un'umile saggezza, il patriarca Gori mostrò autocontrollo e discrezione nell'esercizio delle sue funzioni, sia di fronte ai suoi confratelli che di fronte al suo clero e ai suoi fedeli. Con l'esperienza di amministratore, acquisita come Custode di Terra Santa, riservò a sé la gestione materiale della diocesi, ma ascoltò spesso i consigli e i suggerimenti dei suoi per tutto ciò che riguardava le attività pastorali o i dibattiti dottrinali e teologici, soprattutto durante il Concilio Vaticano II e le sessioni della Commissione Generale. Anche se alcune persone a volte lo rimproveravano per questo comportamento che, secondo loro, era considerato indegno di un patriarca, fu comunque molto utile al vescovo Gori quando dovette affrontare i molti eventi politici che scossero la sua diocesi - evitando qualsiasi manifestazione che avrebbe potuto danneggiare se stesso o la sua diocesi. Il suo motto era quello francescano: "Pax et Bonum" che significa "Pace e Bene".

Da continuare...