Il Coordinamento dei Vescovi di Terra Santa si incontra virtualmente per esprimere solidarietà con la Chiesa Locale

By: lpj.org - Published: January 14 Thu, 2021

Il Coordinamento dei Vescovi di Terra Santa si incontra virtualmente per esprimere solidarietà con la Chiesa Locale Available in the following languages:

TERRA SANTA - Dal 16 al 21 gennaio 2021, i Vescovi del Coordinamento di Terra Santa terranno il loro incontro annuale per esprimere solidarietà e sostegno alla Chiesa e ai cristiani di Terra Santa. Quest'anno, a causa delle restrizioni dovute alla diffusione del COVID-19, i Vescovi non potranno visitare la Terra Santa e si ritroveranno invece virtualmente in videoconferenza.

L'incontro inizierà con una sessione tenuta dal Sig.Sami El-Yousef, Amministratore Delegato del Patriarcato Latino di Gerusalemme, che fornirà una panoramica della situazione attuale in Terra Santa e degli effetti del COVID-19 sulla popolazione. Ai vescovi rivolgerà un’allocuzione anche Sua Beatitudine Mons. Pierbattista Pizzaballa, Patriarca Latino di Gerusalemme, oltre che Sua Eccellenza Mons. Leopoldo Girelli, Nunzio e Delegato Apostolico. Come ogni anno, il Coordinamento avrà anche un momento di incontro con i membri della comunità cristiana di Gaza. La giornata conclusiva si concentrerà sul ruolo dell'educazione e dei giovani in Israele e Palestina.

La preghiera con la comunità cristiana locale è una parte importante della visita. Sono quindi previste nelle parrocchie del Patriarcato Latino collegamenti in diretta per la trasmissione delle Sante Messe.

Il Coordinamento della Terra Santa ha cominciato le sue visite alla popolazione e alla Chiesa di Terra Santa nel 1998, concentrandosi su ciò che sono state chiamate “le tre P”: preghiera, pellegrinaggio e pressione (o persuasione). Si potrebbe aggiungere anche una quarta P , quella di presenza.

La preghiera si concentra soprattutto nella celebrazione insieme alle comunità locali dell’Eucaristia, che talvolta si svolge nei diversi riti presenti in Terra Santa.

Il pellegrinaggio consiste nella visita in Terra Santa dei vescovi stessi, accompagnata dall’invito ai fedeli dei propri paesi a compiere almeno una volta nella vita il pellegrinaggio nella Terra dove Gesù ha vissuto e sulla quale ha camminato. Da marzo 2020, questo tipo di pellegrinaggio ai Luoghi Santi si è interrotto a causa del COVID.

La pressione o la persuasione è quanto fanno i vescovi quando tornano nei paesi d’appartenenza. Ciò implica parlare con i propri governi, tra l’altro, anche delle questioni e dei problemi che riguardano la vita dei cristiani in Terra Santa.

Infine, la presenza dei vescovi tra i cristiani di Terra Santa sta a significare che non si vuole che essi vengano dimenticati da chi abita in altre parti del mondo.

Clicca qui per leggere il programma.