Il Patriarcato Latino organizza un laboratorio di gestione dello stress per le donne cristiane

By: Cécile Leca/ lpj.org - Published: February 22 Tue, 2022

Il Patriarcato Latino organizza un laboratorio di gestione dello stress per le donne cristiane Available in the following languages:

GERUSALEMME – Venerdì 18 febbraio 2022, il Dipartimento Servizi Sociali del Patriarcato Latino di Gerusalemme ha organizzato un laboratorio per la gestione dello stress a beneficio di quindici donne palestinesi cristiane, abitanti di Gerusalemme Est.

L’iniziativa, che si è svolta nel pomeriggio, consisteva nell’imparare come liberarsi dell’energia negativa, come affrontare le quotidiane occasioni di ansia e come prendere le distanze dalle lotte e dalle situazioni di stress di ogni giorno. L’obiettivo complessivo era indicare alle partecipanti alcune strade per fare i conti in modo positivo con i fattori di stress.

Il laboratorio è stato supervisionato dalla sig.na Rhonda Amer, assistente sociale che tiene laboratori su varie tematiche per giovani e donne. È stata affiancata dalla sig.ra Sawsan Bitar, coordinatrice del programma locale del Centro Sabeel, e da suor Ghada Ni’meh, che lavora presso la scuola delle Suore del Rosario. Quanto alle partecipanti, si trattava di donne cristiane provenienti da Gerusalemme Est, che sono state profondamente colpite dalla pandemia di Covid-19.

Il laboratorio dapprima ha avuto inizio con un dibattito sulla definizione di stress, durante il quale sono emerse parole come “solitudine”, “aspettative”, “delusioni”, “paura per gli altri” e “auto-abbandono”.  In seguito, alle partecipanti sono stati forniti strumenti per lavorare su modalità volte a ridurre lo stress psicologico e a superare dialoghi interiori negativi. Si è tenuto anche un momento di condivisione spirituale in cui suor Ghada ha riportato alcune citazioni d’ispirazione.

Il feedback riguardo alle attività è stato molto positivo. “Lo stress e l’ansia faranno sempre parte della nostra vita, ma ora abbiamo gli strumenti per gestirli in modo che non le influenzino negativamente”, ha riferito una delle partecipanti.

Il laboratorio rientra nel Progetto di Emancipazione delle Donne, iniziato nel 2020. Nel 2019, circa il 23% delle donne era inserito nel mercato del lavoro, ma questo dato è diminuito a causa della pandemia di Covid-19. Il progetto mira a sostenere le donne di Gerusalemme Est offrendo varie attività di formazione e strumenti per trasmettere loro competenze in ambito professionale e nello sviluppo imprenditoriale, così come a garantire loro sovvenzioni per aiutarle a cominciare le proprie attività commerciali.