La Famiglia Religiosa del Verbo Incarnato celebra il 25 ° anniversario del proprio servizio apostolico in Terra Santa

By: Media Office - Published: October 08 Thu, 2020

La Famiglia Religiosa del Verbo Incarnato celebra il 25 ° anniversario del proprio servizio apostolico in Terra Santa Available in the following languages:

TERRA SANTA - Il 1° ottobre 2020 il ramo femminile della Famiglia Religiosa del Verbo Incarnato ha celebrato il 25 ° anniversario del suo servizio apostolico e della sua presenza in Terra Santa e nel Medio Oriente. In questa occasione, la Congregazione ha preparato un video, in spagnolo, che mostra tappe importanti della sua vita e della sua missione.

Oggi la Congregazione è presente con le sue comunità in diversi paesi del Medio Oriente e del Nord Africa: in Egitto (Comunità di Maria Egizia), in Giordania (Comunità di Santa Maria Salomè), in Siria (Comunità di Santa Tecla e dei Santi Martiri di Damasco), in Palestina (Comunità di Nostra Signora di Betlemme “Hogar Niño Dios”, di Santa Tabitha, delle Sante Valentina e Tea, di Santa Maria Josefa Rossello, di Nostra Signora di Efraim e del Seminario Patriarcale Latino).

L’arrivo in Terra Santa nel 1995

Dopo aver ricevuto la benedizione di San Giovanni Paolo II nel 1995, le suore Maria Pía, Maria Contemplación e Maria Cielo sono state le prime ad arrivare in Terra Santa, dove hanno formato la comunità "Maria la gerosolomitana" il cui compito era di continuare la missione della Custodia di Terra Santa per la salvaguardia e la venerazione dei Luoghi Santi nonché per l'assistenza e il sostegno dei cristiani locali.

Nel video di 30 minuti preparato dalla Congregazione, suor Maria Alma sottolinea che la loro Famiglia Religiosa lavora per condividere le ricchezze spirituali della Terra Santa con i pellegrini; i sacerdoti, i religiosi, le religiose e i membri del Terzo Ordine. “Il pellegrinaggio in Terra Santa trasforma la vita di ogni persona che la visita”, dice suor Maria.

Provvidenza di San Giuseppe

San Giuseppe è il Santo Patrono della Congregazione e dall'arrivo delle prime suore, la sua provvidenza si è manifestata nelle loro vite e nei momenti di bisogno. Suor Maria Cielo racconta che dopo pochi mesi dal suo arrivo in Terra Santa, con le altre due sorelle, il loro fondo finanziario aveva iniziato ad esaurirsi. Decisero così di pregare San Giuseppe che presto esaudì le loro preghiere, e fu loro offerto un posto presso i Fratelli delle Scuole Cristiane a Betlemme.

Tuttavia, dopo un anno e mezzo, i Fratelli avevano bisogno dei locali per ampliare la scuola, e le suore ancora una volta pregarono San Giuseppe che ancora una volta rispose: alle suore fu dato un posto presso la Bethlehem Arab Society for Rehabilitation, dove iniziò la loro missione con i bambini disabili.

Affiliazione alla Famiglia Religiosa del Verbo Incarnato

"Essere membro della Famiglia Religiosa del Verbo Incarnato è prima di tutto una grazia di Dio", dice suor Maria del Verbo Incarnato, per aver potuto vivere nella Terra che ha testimoniato l'amore di Gesù e la sua risurrezione. È anche una sfida che chiede di riprodurre l'amore di Gesù nella vita degli altri. Essere un membro di questa Congregazione che vive in Terra Santa è poi una grande responsabilità, in quanto le sorelle formano una famiglia che vive e lavora insieme. Il carisma e la missione della Congregazione esortano anche le suore ad accompagnare i cristiani perseguitati e a mostrare che la Chiesa è loro vicina, soprattutto nei luoghi di conflitto e di guerra.

25 anni di servizio in Terra Santa e Medio Oriente

“È difficile riassumere in poco tempo i 25 anni di grazia che Dio ha riversato nella nostra Provincia religiosa attraverso Maria”, dice suor Maria Cielo. “Tutto è stato una benedizione del Signore, le avversità e le gioie.”

Suor Cielo ha espresso poi la propria gratitudine a tutte le suore che hanno servito nella Provincia del Medio Oriente e sono state vitali per la crescita della loro missione. Ha ringraziato il clero che ha fornito loro sostegno spirituale, i laici e i benefattori che hanno dato loro pieno sostegno, soprattutto a favore di coloro che vivono in zone di conflitto e di guerra.

La Congregazione ha anche ringraziato il Patriarcato Latino di Gerusalemme e la Custodia di Terra Santa per il loro aiuto nell'attuazione del proprio lavoro apostolico e nel servire il Signore nella Sua terra.