La prima libreria cattolica in Giordania è pronta ad aprire i battenti nel cuore di Amman

Published: April 03 Mon, 2017

La prima libreria cattolica in Giordania è pronta ad aprire i battenti nel cuore di Amman Available in the following languages:

AMMAN – È dal novembre 2016 che il Patriarcato latino di Gerusalemme svolge dei lavori nella parrocchia di San Giuseppe per la creazione della prima libreria cattolica del Regno hashemita, chiamata «Shabibé bookstore» (Libreria della gioventù). La sua inaugurazione è prevista per maggio.

Un progetto ideato dalla Gioventù studentesca cattolica giordana (YCS)

L’idea di una libreria cattolica è nata nel 2010, durante la Conferenza annuale dei Giovani studenti cattolici giordani (YCS). Obiettivo: soddisfare le esigenze di formazione e di approfondimento della fede di questi giovani giordani.

Questo progetto ebbe una prima realizzazione nel 2011, con il lancio di una libreria online (www.jecjordan.com). Per risvegliare anche il più giovane alla fede, il YCS ha anche creato una collezione di DVD dedicata ai fondamenti della fede cattolica, ispirata alla vita di san Francesco d’Assisi.

Visto il successo di questa iniziativa, l’Ufficio per lo Sviluppo dei Progetti del Patriarcato latino ha deciso di organizzare all’interno della parrocchia di San Giuseppe un vero e proprio negozio, che possa diventare anche luogo di incontro per i fedeli.

Inaugurazione prevista per fine maggio

La libreria, la cui apertura è prevista nel maggio 2017, offrirà più di 11 mila titoli, tra cui Bibbie, Vite dei santi e opere teologiche. «Oggi, è ancora molto difficile reperire libri religiosi in Giordania. Questo progetto soddisfa un bisogno vitale per la comunità cattolica», afferma padre Wisam parroco di San Giuseppe. Per il lancio, il padre può contare sulla devozione dei suoi fedeli, come Maher, rifugiato iracheno ospitato con la sua famiglia nella parrocchia.

Anche se i principali beneficiari di questo progetto sono i cattolici, la biblioteca sarà aperta a tutti, cristiani e non. Una bella iniziativa, che ci auguriamo possa essere antesignana di altre!

Claire Guigou e Remy Brun