Pasqua 2022: Sabato Santo, vigilia di Pasqua

By: lpj.org - Published: April 16 Sat, 2022

Pasqua 2022: Sabato Santo, vigilia di Pasqua Available in the following languages:

GERUSALEMME - Sabato 16 aprile Sua Beatitudine Pierbattista Pizzaballa, Patriarca latino di Gerusalemme, ha celebrato la Messa solenne della Veglia Pasquale presso la Basilica della Resurrezione nella basilica del Santo Sepolcro.

Se nella Chiesa d'Occidente non si fa molta distinzione tra il ”Sabato Santo” e il "Sabato di Pasqua", per la Chiesa d'Oriente si tratta di due giorni ben distinti; mentre il primo si riferisce al Sabato della Settimana Santa, il secondo si riferisce al Sabato della “Settimana Luminosa”, cioè quello successivo alla Domenica di Pasqua.

Questa mattina, Sua Beatitudine Pierbattista Pizzaballa ha lasciato in processione il Patriarcato latino, scortato da una trentina di francescani e quindici sacerdoti del Patriarcato, avviandosi verso il Santo Sepolcro per celebrare i riti della Veglia Pasquale secondo le norme e consuetudini vigenti. Era accompagnato dal Vescovo Adolfo Yllana, Nunzio Apostolico per Israele e Cipro e Delegato Apostolico per Gerusalemme e Palestina; Mons. William Shomali, Vicario Generale del Patriarcato Latino per Gerusalemme e Palestina; il Vescovo Boulos Marcuzzo, Vicario Emerito, e P. Piotr Zelazko, Vicario patriarcale per la comunità di lingua ebraica (Vicariato San Giacomo). Intorno a Sua Beatitudine c'erano anche i Canonici del Santo Sepolcro, compresi i due novi Canonici Onorari (Mons. Pizzuto Alfredo e P. Markus Bugnyar) che hanno ricevuto l’investitura il 2 febbraio scorso.

Intorno all'Edicola del S. Sepolcro di nostro Signore Gesù Cristo erano presenti più di cento sacerdoti e religiosi per celebrare con la massima solennità la risurrezione del Salvatore.

Nella sua omelia, nonostante un contesto internazionale e locale difficile, Sua Beatitudine ha invitato i fedeli ad accogliere questa notizia con gioia e speranza: "Dalla Pasqua il Cristo risorto è presente ed è all'opera nel mondo; e dove la fede viva ed ecclesiale dei discepoli lo accoglie, inizia veramente un mondo nuovo, anche in mezzo alle contraddizioni del presente".

Durante la preghiera dei fedeli, una suora ha recitato una intenzione in lingua ucraina perché cessi il conflitto che infuria in quel Paese: "Preghiamo per la nazione ucraina che difende coraggiosamente la sua patria; possa Dio onnipotente ispirare tutti i governanti e politici del mondo a trovare il modo di porre fine a questa terribile guerra".

Al termine della celebrazione, i fedeli, tra cui quest'anno molti pellegrini, hanno aspettato il Patriarca nella piazza del Santo Sepolcro per acclamarlo calorosamente prima che la processione, aperta dai kawas e composta da sacerdoti e francescani, tornasse al Patriarcato accompagnata dal ritmo dei tradizionali inni pasquali gioiosamente cantati soprattutto dai seminaristi di Beit-Jala.

Alle 15.30, Mons. William Shomali, Vicario Generale del Patriarcato Latino ha fatto l'ingresso solenne per presiedere la processione quotidiana in forma solenne.

I Vespri sono stati poi celebrati dai francescani alle 18 davanti alla Tomba mentre l'Ufficio delle Letture ha avuto luogo a mezzanotte e mezza sempre di fronte alla Tomba in modo solenne e presieduta da P. Francesco Patton, Custode di Terra Santa.