Riscoprire gli insegnamenti del Signore con la Casa delle Parabole

By: Cécile Leca/ lpj.org - Published: April 08 Fri, 2022

Riscoprire gli insegnamenti del Signore con la Casa delle Parabole Available in the following languages:

TAYBEH - In questo piccolo villaggio cristiano nel nord della Palestina, accanto alla Chiesa latina del Cristo Redentore, si trova un popolare luogo di pellegrinaggio per i visitatori: la Casa delle Parabole, pensata per ricordare a tutti alcune parabole evangeliche.

Taybeh non è conosciuta solo per la sua chiesa bizantina di San Giorgio, o il suo famoso birrificio, rinomato per le sue deliziose birre e il suo annuale “Oktoberfest”.

Accogliendo ogni anno numerosi pellegrini, questo villaggio di circa 900 abitanti, situato a pochi chilometri da Ramallah, offre anche una visita insolita; quella che consiste nel riscoprire le parabole di Cristo attraverso una struttura in pietra, costruita proprio davanti alla chiesa.

Le Suore Francesi della Santa Croce di Gerusalemme (Soeurs de la Sainte-Croix de Jérusalem) che sono a Taybeh da più di 20 anni, sono anche responsabili di questa famosa "Casa delle Parabole"; oltre ad insegnare il francese nella scuola del Patriarcato Latino, organizzano alcune attività extracurriculari e campi-scuola giovanili in francese e inoltre accolgono i pellegrini. Attualmente sono in tre: suor Marie-Martine, suor Claudine e suor Nelly. La loro Congregazione religiosa, fondata nel 1944 il cui carisma è l’evangelizzazione e l'educazione dei giovani fu fondata dal Venerabile P.Jacques Sevin (1882-1951), gesuita che, riprendendo l'intuizione educativa e la pedagogia di Baden Powell, si dedicò anche allo scoutismo e alla sua integrazione nella Chiesa cattolica.

"Oggi suor Nelly insegna francese nella scuola del Patriarcato latino, che riunisce i cristiani di Taybeh e i musulmani dei villaggi circostanti", racconta suor Claudine, guardando al cimitero, dove spicca un "Calvario" di pietra sormontato da tre croci erette su iniziativa del parroco, P. Bashar. 

“Da diversi anni il villaggio di Taybeh sta vivendo una significativa emigrazione; gli abitanti partono spesso per gli Emirati Arabi Uniti o gli Stati Uniti. “Quelli che rimangono lavorano per la maggior parte a Ramallah, a Gerusalemme o nelle piccole attività del villaggio. Molti sono sostenuti economicamente dai familiari emigrati”, spiega suor Claudine.

È stato P. Johnny Sansour, l'ex parroco di Taybeh, che ha ideato l'idea di una "Casa delle Parabole"; nel 1974, dopo la morte del suo proprietario, acquistò una casa tradizionale palestinese risalente a circa 300 anni fa e la trasformò in un luogo dove i visitatori potevano riscoprire la Bibbia.

Questa Casa delle Parabole riporta immediatamente alle Sacre Scritture. Il foro nello stipite della porta ricorda il Cantico dei Cantici, capitolo 5 versetti 4-5; una piccola lampada su moggio ci ricorda il Vangelo di Gesù Cristo secondo San Matteo, capitolo 5 versetti 14 e 15; una macina ricorda la parabola del lievito (San Matteo, cap. 13, versetto 33) ma anche Marco 9,42 circa lo scandalizzare dei piccoli.

"Vedi queste tuniche da donna tradizionali appese nella casa?" - chiede suor Claudine guida ufficiale del luogo - e quegli otri, tutti secchi? Si riferiscono alla parabola delle vesti nuove e del vino nuovo, che si trova nei Vangeli di san Matteo e di san Luca".

Sotto la sala principale è stata allestita anche una piccola stalla per aiutare i visitatori a comprendere la Natività. "Come possiamo immaginare che un popolo con una cultura così forte dell'accoglienza possa aver rifiutato l'ospitalità a Maria, una donna incinta?" - chiede suor Claudine - sembra molto più probabile che la gente cercasse il posto migliore dove metterla; non in una stanza affollata, ma al caldo sulla paglia, circondata da animali che riscaldavano la stanza" – aggiunge facendo eco alle spiegazioni fornite a Betlemme durante le visite alla Grotta nella Basilica della Natività.

All'esterno, intorno al piccolo cortile ad anfiteatro progettato da P. Aziz, parroco di Taybeh dal 2012 al 2015, delle targhe marmoree indicano l'ubicazione della Casa delle Parabole. Si lascia il posto non senza emozione; l'impressione di aver vissuto per un momento fugace nel tempo di Cristo non lascia indifferenti. Non senza un sorriso, suor Claudine chiude la porta. La prossima visita sarà sicuramente quella dei pellegrini, che potranno così scoprire, da un nuovo punto di vista, le parabole di Cristo.