Università di Betlemme: a Roma si riunisce il Consiglio Internazionale

Published: January 31 Thu, 2019

Università di Betlemme: a Roma si riunisce il Consiglio Internazionale Available in the following languages:

 

ROMA –  Il 23 e il 24 gennaio, presso la Casa Generalizia dei Fratelli delle Scuole Cristiane in Via Aurelia a Roma, si è tenuto il consueto incontro semestrale del Consiglio Internazionale dell’Università di Betlemme, per fare il punto sulla situazione attuale dell’Ateneo e dare uno sguardo al futuro.

Come ogni semestre, l’International Board of Regents si riunisce per discutere temi e votare provvedimenti inerenti alla vita dell’Università di Betlemme. In questa occasione, il Consiglio si è dato appuntamento a Roma, per lavorare entro la suggestiva cornice della Casa Generalizia dei Fratelli delle Scuole Cristiane, residenza del Superiore Generale della congregazione. Oltre a quello dell’amministrazione, obiettivi di queste riunioni periodiche sono la promozione di progetti e il miglioramento dell’offerta didattica universitaria, in coerenza con l’importante e apprezzabile missione educativa condotta dalla Chiesa in Palestina attraverso l’Università di Betlemme.

I Fratelli delle Scuole Cristiane, comunemente detti “lasalliani” in virtù del suo fondatore Giovanni Battista de La Salle, si resero protagonisti, all’inizio degli anni ’70, della fondazione dell’Università di Betlemme attraverso la sottoscrizione di un Protocollo di Accordo con la Santa Sede (secondo fondatore), grazie al quale ancora oggi possono gestire ed amministrare l’Ateneo palestinese. Tale gestione avviene tramite l’attiva partecipazione al comitato direttivo del Superiore Generale dell’Istituto, Fratello Robert Schieler FSC.

Oggi il Consiglio Internazionale si struttura su tre livelli, al primo dei quali si trovano rappresentanti delle istituzioni fondatrici, dunque la Santa Sede e l’Istituto dei Fratelli delle Scuole Cristiane, nelle persone di S.E. il Cardinal Leonardo Sandri e Fratello Robert Schieler FSC. Il Cardinal Sandri, Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali, in questa occasione non è tuttavia potuto essere presente.

Al secondo e al terzo livello è rappresentato da esponenti della Chiesa Orientale e dai trustees, fiduciari delle associazioni e delle fondazioni che finanziano l’Università di Betlemme.

Tra i rappresentanti della Chiesa locale si sono registrate le presenze di S.E. Mons. Giacinto-Boulos Marcuzzo, Vicario Patriarcale per Gerusalemme e Palestina, del Rev. Kuriakose Cherupuzhathottathil, membro del Segretariato del ROACO e rappresentante della Congregazione per le Chiese Orientali.

Presenti alla due giorni di riunione anche il Fratello Peter Bray FSC, Vice Cancelliere dell’Università di Betlemme e il Professor Bart J. McGettrick, già rettore dell’università di Liverpool, oggi presidente della Commissione Internazionale.

All’incontro hanno preso parte e partecipato attivamente anche i rappresentanti dei tre dipartimenti dell’Ateneo: la Dott.sa Irene Hazou, Vice Presidente per gli Accademic Affairs;  Sig. Youil Anastas, Vice Presidente per il settore Finance; Fratello Denis Loft FSC, Vice Presidente per il settore Advancement.

Durante i due giorni il Board Internazionale si è dedicato principalmente a lavorare sugli statuti e sui futuri sviluppi dei diversi dipartimenti dell’Università, attraverso sessioni di discussione molto dinamiche, scandite da proposte, controproposte e conseguenti delibere.

All’ordine del giorno anche le modalità con cui prepararsi al prossimo cinquantesimo anniversario di fondazione dell’Università di Betlemme, previsto per il 2023. Si è menzionato pure il terzo centenario della scomparsa del fondatore dell’Istituto dei Fratelli delle Scuole Cristiane, Giovanni Battista de La Salle.

Filippo De Grazia

Riunione Opere Aiuto Chiese Orientali