TIBERIADE – Sabato 10 dicembre 2016, la comunità parrocchiale di Tiberiade ha avuto la gioia di partecipare alla celebrazione dell’impegno alla vita consacrata di quattro giovani membri della Koinonia Giovanni Battista. La liturgia è stata presieduta da mons. Pierbattista Pizzaballa.

Due fratelli e una sorella hanno pronunciato il loro impegno definitivo. Un’altra sorella ha fatto il suo primo impegno per un periodo di tre anni. Claudia e Alessandro, originari di Roma, Daniele dalla Polonia e Rola, nata in Libano e residente a Tiberiade da 16 anni, hanno regalato una gioiosa testimonianza della chiamata del Signore nella loro vita. Erano presenti alla celebrazione membri delle loro famiglie e amici, venuti dall’Italia e dalla Polonia. Per l’occasione, hanno partecipato alla celebrazione anche numerosi maroniti della Galilea.

Mons. Pizzaballa, Amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme, ha presieduto la celebrazione insieme ai padri Ricardo Argañaraz, Alvaro Grammatica e Giuseppe De Nardi (rispettivamente Fondatore, Superiore generale e Superiore locale della Koinonia). Erano presenti anche padre George Ayoub, Cancelliere del Patriarcato latino, padre Charles Zgeb, rappresentante della comunità maronita della Galilea, padre Pawel Badena dalla Polonia e i padri Giacomo Bergamin e Siarhei Vasilyeu della Koinonia di Tiberiade.

Nella sua omelia, l’Arcivescovo ha esortato l’assemblea (in special modo i membri della Koinonia Giovanni Battista) a entrare profondamente nel mistero e nella chiamata di Giovanni Battista, come lo stesso Giovanni ci insegna in questo tempo di Avvento: bisogna preparare la venuta del Signore. Noi tutti siamo chiamati ad essere aperti, come Giovanni, per consentire al Cristo di rivelarci il suo vero Io, invece di lasciare che le nostre aspettative ci rendano ciechi quando il Signore verrà. I dubbi e le domande non dovrebbero mai far perdere il coraggio ai fedeli, ma piuttosto, come ben ci insegna Giovanni, dovremmo andare direttamente al Signore e domandargli, con umiltà e semplicità: “Sei tu, Signore?”.

È in un clima pieno di gioia e di festa che questi fratelli e sorelle si sono consacrati al Signore di tutto cuore.

Molti membri della parrocchia hanno prestato la loro opera per la decorazione della chiesa e della casa, per la preparazione del pranzo e per l’accoglienza degli invitati. Un grande schermo è stato collocato nel cortile per tutti coloro che non hanno potuto trovare posto nella chiesa davvero colma. Alla fine della celebrazione, tutti si sono ritrovati nel cortile per festeggiare l’avvenimento con un dolce, del buon vino e per le foto e auguri tradizionali ai fratellie e sorelle neoconsacrati.

IMG-20161213-WA0024.jpgIMG-20161213-WA0025.jpgIMG-20161213-WA0026.jpg
image_print
Designed and Powered by YH Design Studios - www.yh-designstudios.com © 2017 All Rights Reserved
X