GERUSALEMME – Giovedì 17 giugno 2016, a Gerusalemme Est presso la “Casa di Abramo”, sessanta tra musulmani e cristiani si sono riuniti per condividere il pasto tradizionale dell’Iftar, che rompe il digiuno nelle notti di Ramadan.

Situata nel quartiere di Ras al Amud a Gerusalemme Est, la Casa di Abramo, tenuta dalla Secours Catholique – la Caritas francese -, ha accolto i rappresentanti delle Chiese di Gerusalemme e le autorità civili e religiose musulmane per condividere un pasto insieme nel mese sacro dell’Islam. La cena è iniziata dopo il tradizionale “colpo di cannone” che annuncia il momento di rottura del digiuno durante il Ramadan.

L’Iftar rappresenta il pasto di festa condiviso, dopo il tramonto, dai musulmani nelle serate di Ramadan. Dopo aver digiunato tutto il giorno, a partire dalla prima preghiera del mattino – chiamata al Subh o preghiera dell’alba – i fedeli musulmani si riuniscono per celebrare la fine del digiuno. Questo è un momento di gioia, come mostrano ogni sera le turbolenze nelle strade e i fuochi d’artificio che animano questo quartiere di Ras Al Amud a Gerusalemme Est.

Organizzato dal Patriarcato latino di Gerusalemme e dalla Casa di Abramo per il secondo anno consecutivo, l’evento rafforza i legami tra le comunità cristiane e musulmane. Alla fine del pasto tutti gli intervenuti hanno ringraziato calorosamente mons. William Shomali, vicario patriarcale per Gerusalemme e Palestina, e Cécile Roy, direttore della Casa di Abramo, per l’iniziativa.

Thomas Charriere
Foto: © LPJ / Thomas Charriere

DSC_0720.jpgDSC_0735.jpgDSC_0756.jpgDSC_0776.jpgDSC_0810.jpgDSC_0827.jpgDSC_0836.jpgDSC_0858.jpgDSC_0866.jpgDSC_0871.jpgDSC_0873.jpgDSC_0915.jpgDSC_0942.jpgDSC_0956.jpgDSC_0962.jpgDSC_0980.jpg
image_print
Designed and Powered by YH Design Studios - www.yh-designstudios.com © 2017 All Rights Reserved
X