GERUSALEMME – Mercoledì 29 giugno 2016, nella Chiesa di San Salvatore, mons. Fouad Twal, Patriarca latino, ha ordinato un nuovo sacerdote e cinque diaconi alla vita sacerdotale nella Custodia di Terra Santa.

In occasione della solennità dei santi Pietro e Paolo, nella Chiesa del Convento di San Salvatore, i frati Eliazar Arteaga Chavero, Gilberto Hernández Hernández, Jesús Luis Neri Rodriguez, Marko Gulin e Rodrigo Machado Soares hanno ricevuto il ministero del diaconato mentre fra’ Rodolfo Ramirez de la Torre è stato ordinato sacerdote per l’imposizione delle mani del Patriarca latino.

Mons. Fouad Twal ha presieduto la celebrazione, alla presenza di don Francesco Patton, Custode di Terra Santa e della comunità francescana riunitasi attorno agli ordinandi. «Colgo l’occasione – ha detto il Patriarca latino – per esprimere la mia gioia di avere con noi il nuovo Custode, padre Francesco Patton, ed estendo a lui i nostri migliori auguri per questa nuova e stimolante missione».

«La vostra consacrazione qui, in Terra Santa, è un dono inestimabile»

Nella sua omelia, mons. Twal ha declinato le differenti caratteristiche della vita di un francescano, dall’obbedienza al vescovo e al superiore della comunità, al rispetto del voto di povertà. «Quanto al voto di povertà, voi sapete che non è disprezzo dei beni materiali, “ma è uso grato e cordiale di questi beni ed insieme lieta rinuncia ad essi con grande libertà interiore, ossia in ordine a Dio e ai suoi disegni” (Pastores dabo vobis, 30). L’accettazione gioiosa di questi consigli evangelici esalta il vostro dono radicale e profetico, soprattutto per questa generazione che cerca testimoni più che maestri. (…) Il monaco, dato che è consacrato, è un uomo scelto da Dio, e Gli appartiene completamente. Non si tratta di grandi cose, ma si vive in unione con Cristo, la sua grande e bella avventura. Oggi, dobbiamo ricordare con gratitudine gli amici, i benefattori e gli insegnanti, che hanno preparato questo importante momento. Non possiamo neanche dimenticare il nostro ex Custode, padre Pierbattista Pizzaballa, un padre e un amico che ci ha lasciato da poco tempo, per ritornare a noi più vicino e più impegnato che mai».

Il Patriarca ha incoraggiato gli ordinandi a ricordare in ogni momento la peculiarità della loro vocazione in Terra Santa: «La vostra consacrazione qui in Terra Santa è un privilegio e un dono inestimabile. Custoditelo sempre e ravvivatelo, attraverso l’ascolto della Parola di Dio, la preghiera, la celebrazione dei sacramenti e lo studio».

Alla fine della cerimonia, i fratelli, le famiglie e i fedeli si sono riuniti per congratularsi con i nuovi diaconi, e per ricevere la prima benedizione di padre Rodolfo.

Thomas Charriere
Foto: © LPJ / Thomas Charriere

DSC_0376.jpgDSC_0383.jpgDSC_0446.jpgDSC_0452.jpgDSC_0486.jpgDSC_0500.jpgDSC_0601.jpgDSC_0609.jpgDSC_0652.jpgDSC_0725.jpgDSC_0757.jpgDSC_0763.jpgDSC_0854.jpgDSC_0864.jpgDSC_0873.jpgDSC_0886.jpgDSC_0905.jpgDSC_0921.jpgDSC_0931.jpgDSC_0934.jpgDSC_0946.jpgDSC_0948.jpgDSC_0951.jpgDSC_0974.jpgDSC_0994.jpgDSC_0002.jpgDSC_0062.jpgDSC_0071.jpgDSC_0088.jpgDSC_0124.jpg
Designed and Powered by YH Design Studios - www.yh-designstudios.com © 2017 All Rights Reserved
X